Lazio, Immobile e Anderson insieme per l’Europa

Lazio, Immobile e Anderson insieme per l’Europa

Inzaghi propone assieme Immobile e Felipe Anderson per l’assalto alla Dinamo Kiev. E Luis Alberto in panchina. Una scelta dettata da Lucas. Non Leiva, ma il figlio appena nato dello spagnolo.

di Redazione Il Posticipo

Lazio. È il momento. Basta VAR, che in Europa non c’è. Nessun pensiero ai ricorsi dei tifosi, nè alla manifestazione in FIGC. Ci sarà tempo e modo di tornare a pensare al campionato. Immobile e Anderson a caccia della qualificazione. Al netto delle scelte incide…Lucas. Che non è Leiva, ma il figliolo di Luis Alberto nato in settimana. Una gioia immensa, condivisa anche dal gruppo e dallo stesso tecnico, ma che evidentemente non ha permesso allo spagnolo di allenarsi con la dovuta continuità. Ecco perché oggi parte dalla panchina.

Doppio esame: Murgia e Felipao

La scelta del tecnico rilancia dal primo minuto Murgia, che ha la grande opportunità di ripresentarsi dall’inizio e rilanciarsi in Europa, in una partita che funge da spartiacque per la stagione della Lazio. Impiegato come mezzala, avrà un ruolo diverso da Luis Alberto. Nessuno gli chiede invenzioni ma sostanza, quella sì. Il compito? Giocare box to box, accompagnare l’azione e cercare la verticalizzazione attraverso il palleggio, buttarsi nello spazio e cercare la giocata risolutiva: un po’ sulla falsariga della Supercoppa Italiana. Felipe Anderson invece dovrà confermarsi il trascinatore della squadra. Gli ucraini non sono imbattibili, ma neanche un avversario facile. Oltre agli strappi e alla fantasia servirà continuità di rendimento ed essere presente a se stesso per i 90’.

E Luis Alberto? Grimaldello a partita in corso

La presenza di Luis Alberto in panchina, al netto del lieto evento, coincide anche con la ricerca degli equilibri. La Lazio deve trovare la via del gol, ma incassarlo può essere deleterio: i numeri però sostengono la tesi dell’impresa. La Lazio, esclusa Bucarest, ha sempre trovato il modo di incanalarsi verso la rete avversare. Anche complice l’inventiva dello spagnolo, grimaldello ideale qualora la partita fosse a favore dei biancocelesti, per innescare le ripartenze. E anche uomo faro se, invece, sarà necessario recuperare o sbloccare il match. In entrambi i casi, dunque, lo spagnolo avrà il proprio spazio. Del resto, la dedica in caso di rete o di giocata decisiva è già pronta. E alla Lazio non aspettano altro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy