Lopetegui, arrivano indiscrezioni clamorose: esonerato…per colpa di Jorge Mendes?

Lopetegui, arrivano indiscrezioni clamorose: esonerato…per colpa di Jorge Mendes?

Jorge Mendes, il potentissimo procuratore portoghese, è l’agente del nuovo tecnico delle Merengues. E tra Spagna e Inghilterra si suggerisce che sia proprio la sua influenza su Lopetegui uno dei motivi dell’esonero dell’ex CT…

di Redazione Il Posticipo

Strano che, nel caos che ha circondato prima la nomina di Lopetegui ad allenatore del Real Madrid, e poi la sua rimozione dalla panchina della Spagna, non fosse ancora uscito prepotentemente il nome di Jorge Mendes. Del resto, il potentissimo procuratore portoghese (già, proprio quel Portogallo che affronterà la Spagna in capo a poche ore) è l’agente del nuovo tecnico delle Merengues. E proprio il fatto che ci sia da farlo felice in previsione del tentativo di trattenere Cristiano Ronaldo potrebbe essere una delle ragioni per cui alla fine alla Casa Blanca hanno optato per l’allenatore spagnolo, piuttosto che attendere ancora un po’ per cercare di affidarsi a qualcuno dei nomi che circolavano. Una mossa che sarebbe…quasi comprensibile.

LA MANO DI MENDES? – Ma che Mendes c’entri qualcosa anche con l’esonero di Lopetegui dalla Spagna, beh, questo sorprende un po’ di più. Eppure è ciò che sostiene il Sun, che a sua volta riprende un articolo di El Pais. E la stampa iberica spiega come la presenza ingombrante del portoghese possa aver portato a prendere la decisione di allontanare l’allenatore. Mendes è infatti anche il procuratore di molti calciatori importanti della Roja come David de Gea, Diego Costa, Saul Niguez e Rodrigo. L’articolo del quotidiano spagnolo riporta che “da mesi alcuni calciatori importanti della nazionale sospettavano che il tecnico prendesse decisioni nell’interesse non della squadra, quanto del suo futuro dopo il mondiale“.

CONFLITTO DI INTERESSI – Un futuro legato a doppio filo a Jorge Mendes. Che secondo El Pais insisteva già da più di un anno con Lopetegui che lo avrebbe portato sulla panchina del Real. Un’impresa che sembrava quasi impossibile, ma non per il portoghese, che già nel 2014 è riuscito a piazzare il tecnico sulla panchina del Porto, che giocava la Champions League, nonostante una scarsissima esperienza come allenatore di club (qualche mese al Rayo Vallecano e una stagione al Real Madrid B). E a questo punto non diventa così complicato pensare che in effetti, come suggerisce il Sun, l’influenza di Mendes, capace effettivamente di farlo approdare al Bernabeu come aveva promesso, potesse inficiare anche le scelte e le convocazioni in chiave mercato. E che quindi la Federazione spagnola, scavalcata nelle negoziazioni e posta di fronte ad un evidente conflitto di interessi, avrebbe maturato la clamorosa decisione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy