Lo strano rimpianto di Varane: “Quando sono arrivato a Madrid ho capito che non avrei più potuto…”

Lo strano rimpianto di Varane: “Quando sono arrivato a Madrid ho capito che non avrei più potuto…”

A neanche ventisei anni, Varane ha vinto davvero tutto. Liga, Coppa del Re, Supercoppa spagnola ed Europea, Champions, mondiale per club e la Coppa del Mondo 2018 con la Francia. Cosa manca al difensore del Real Madrid? Evidentemente…andare al cinema la sera!

di Redazione Il Posticipo

Come ci si sente ad aver vinto tutto a neanche ventisei anni? E non per modo di dire, perchè nella bacheca di Raphael Varane mancano giusto un paio di cosette. Un campionato europeo, che con la Francia si è visto sfuggire nella finale casalinga contro il Portogallo, e l’Europa League, ma semplicemente perchè in carriera…non l’ha mai giocata. Per il resto, c’è davvero tutto. Due campionati spagnoli, una coppa del Re e due supercoppe. E al di fuori dei confini iberici giusto quattro Champions, tre supercoppe europee, quattro mondiali per club e la Coppa del Mondo 2018 con la Francia. Cosa manca al difensore del Real Madrid?

VINCERE – Evidentemente…andare al cinema la sera. Lo rivela lo stesso Varane in un libro su di lui che è appena uscito in Spagna. Il titolo non poteva essere più adatto, visto il palmares del francese: “Varane, l’arte di vincere”. In effetti forse nessuno alla sua età può vantare una bacheca simile e per di più da protagonista. Il difensore è arrivato a Madrid che di anni ne aveva appena diciotto, ma non ci ha messo molto ad affermarsi e a diventare il partner di Sergio Ramos, formando una delle coppie più temute del panorama calcistico mondiale. Ma non è stato semplice per un ragazzino dell’Alta Francia ritrovarsi catapultato in una realtà come quella della Casa Blanca.

CINEMA – Come riporta Marca, adattarsi è stato parecchio difficile. Anche perchè quando si inizia a giocare nel giardino di casa e in capo a due stagioni si passa dall’esordio con il Lens a una delle società più celebri del mondo, normale subire il grande salto. Per sua fortuna, il francese lo ha capito subito: “Quando sono arrivato all’aeroporto e ho visto quanti giornalisti c’erano, ho capito che il Real Madrid era un’altra cosa”. E cosa ha pensato Varane quando ha capito in che…splendido guaio la sua capacità calcistica lo aveva cacciato? “Mi sono reso conto che non sarei mai più potuto andare al cinema di sera”. Troppa fama, troppi tifosi, troppo…Real. Ne vale la pena? Forse sì, visto che, come commenta qualcuno su Marca, ora il cinema…se lo può fare dentro casa!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy