Lo storico preparatore di Ancelotti rivela: “In Champions Carlo era convinto di passare. E al Bayern Monaco hanno fatto di tutto per… “

Lo storico preparatore di Ancelotti rivela: “In Champions Carlo era convinto di passare. E al Bayern Monaco hanno fatto di tutto per… “

Le rivelazioni di Giovanni Mauri sull’ultima esperienza europea del tecnico del Napoli. I due hanno lavorato insieme per 20 anni: da Parma a Monaco di Baviera, dove il tecnico difese il suo collaboratore dalle accuse del club…

di Redazione Il Posticipo

Si conoscono da vent’anni, si sono separati da poco, ma continuano a mantenersi in contatto. Carlo Ancelotti e Giovanni Mauri ne hanno viste tante insieme: dalle primissime esperienze a Parma fino a quella col Bayern Monaco, terminata con l’amaro in bocca. In Germania il tecnico ha difeso a spada tratta il suo storico preparatore dalle accuse della società per la ricaduta di Neuer: “Non sono nato ieri nel calcio, sono in questo mondo da 30 anni e, nella mia umile opinione, è il miglior preparatore al mondo”.  Insieme hanno vinto tutto quello che c’era da vincere, valorizzando un parco di campioni pazzesco. Oggi sono separati, ma Giovanni continua ad essere molto vicino al suo amico Carlo…

“ERA CONVINTO DI PASSARE” – Mauri ha svelato alcuni retroscena sull’avventura del Napoli in Champions ai microfoni di Tuttonapoli: “C’è stata tanta sfortuna, tutti gli episodi sono girati male, ma quando è uscito il sorteggio Carlo era convinto di passare il turno. Noi sapevamo come lavorano Klopp e Tuchel. Mettendo Ancelotti al Liverpool o al PSG, questi club si sarebbero qualificati all’ultima giornata? Io dico di no e lo avrebbero fatto con 13, 14 punti… Il Napoli avrebbe potuto vincere la Champions. Se passi e agli ottavi hai fortuna col sorteggio può succedere di tutto”. Mauri è ritornato anche sul sì di Ancelotti a De Laurentiis: “La chiamata arrivò nel momento giusto. Avevamo tutti voglia di tornare in Italia, anche io ero abbastanza stufo di stare all’estero. In realtà, io ero proprio stufo di continuare…”. E infatti il sodalizio tra i due si è interrotto, ma in un certo senso continua: “Con Carlo oggi c’è mio figlio”. Giovanni era un po’ stanco soprattutto dopo quanto successo a Monaco di Baviera…

BAYERN AMARO – Mauri è ritornata sull’avventura vissuta con Carlo in Germania: “Pensavamo di trovare una mentalità aperta, la trovammo chiusa. Immaginavamo condivisione e collaborazione, invece c’era un sistema verticistico nel quale i collaboratori tedeschi volevano essere comandati. E poi arrivammo in un momento di poca chiarezza societaria”. Ma chi a tirare un brutto scherzo furono soprattutto i giocatori: “Quando abbiamo perso a Parigi hanno fatto di tutto per liberarsi di noi… Poi a Monaco passarono tutta la stagione a darci contro: a distanza di mesi dal nostro addio, continuavano ad addossarci le colpe degli infortuni, ma non c’entravamo nulla”. Avesse passato il turno col suo Napoli in Champions, a Carlo incontrare il Bayern avrebbe fatto molto piacere…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy