LIVE – Mourinho: “Tre dita? I tifosi della Juventus si sono comportati male e ho reagito”

LIVE – Mourinho: “Tre dita? I tifosi della Juventus si sono comportati male e ho reagito”

Mou arriva in casa di una vecchia rivale, dopo aver ricordato il Triplete ai tifosi bianconeri a margine della sconfitta casalinga nella gara di andata. Lo Special One si presenta all’Allianz senza Lukaku.

di Redazione Il Posticipo

Mou arriva in casa di una vecchia rivale, dopo aver ricordato il Triplete ai tifosi bianconeri a margine della sconfitta casalinga nella gara di andata. Lo Special One si presenta all’Allianz senza Lukaku e con la necessità di provare a portare via da Torino almeno un punto, per non rischiare di essere superato dal Valencia. I Red Devils arrivano da due vittorie consecutive in Premier League e cercheranno di continuare la striscia contro i bianconeri, che però con un successo contro gli inglesi staccherebbero già il biglietto per gli ottavi e da primi del girone. E accanto allo Special One c’è il grande ex, Paul Pogba!

Inizia la conferenza con gli aggiornamenti su Lukaku:
“È infortunato per domani e non sappiamo se potrà essere in campo contro il City”.

Le tre dita dopo la gara di andata:
“I tifosi della Juventus si sono comportati in maniera poco appropriata e poco gentile, quindi sono arrivato alla conclusione che l’unico motivo era che avevo vinto con i loro rivali ed ecco perchè ho reagito facendo le tre dita”

Rapporto con la Juventus e con Allegri:
“Ho un buon rapporto sia con la Juventus che con Max Allegri, siamo buoni amici. Ho un ottimo rapporto con tutti quindi non ho cattivi ricordi del periodo che ho passato in Italia”.

Football Leaks e accuse al City:
“Qualche anno fa ci ho pensato anche io, ma mi sono tenuto il mio pensiero per me”.

Sugli inizi di partita lenti dello United:
“Lavoriamo giorno dopo giorno, ma la realtà è che normalmente non iniziamo bene le partite. Però se iniziamo male e finiamo bene, va bene così. È bello per i tifosi, ma una partita dura novanta minuti e se dai all’avversario 45, o anche 20 o 10 minuti di vantaggio, hai una montagna da scalare. La cosa positiva è che nelle ultime partite, esclusa quella con la Juventus, ci siamo riusciti. Ma quando giochi contro una squadra super, come accadrà domani, è difficile scalare la montagna”.

Cosa ne pensa Mou della Superlega?
“Non sono interessato”.

Pensiero già al derby di domenica?
Domani c’è una partita importantissima, abbastanza importante da non farci pensare a cosa accadrà dopo, ma solo alla Juventus.

Su Pogba:
Una cosa è quello che dice la stampa, un’altra quello che dice Paul. E poi c’è quello che dico io. La stampa dice che abbiamo un rapporto terribile, Paul qualche settimana fa ha detto che abbiamo una tipica relazione tra giocatore e allenatore. E io penso che abbiamo un buon rapporto. Anzi, un buon rapporto tra allenatore e giocatore”.

E la parola passa proprio a Pogba, il grande ex della partita.

Sulla seconda esperienza allo United:
“La mia esperienza allo United fino a questo momento è stata positiva. Abbiamo già vinto alcuni trofei e stiamo continuando a crescere. Dopo la pausa nazionali abbiamo cambiato passo. Con il Chelsea, per esempio, abbiamo giocato uniti, e quando facciamo così possiamo fare molto bene. Tornare allo United è stata una mia scelta, fatta in una stagione  in cui la Juve giocava la Champions e lo United no. Ed è una scelta che non rimpiango assolutamente. Sono molto contento di indossare la maglia dello United”.

Sul ruolo perso di vice-capitano:
Non mi è cambiato molto. Continuo a giocare e sono contento di farlo. Decide l’allenatore chi è il capitano e se mi toglie la fascia non mi cambia nulla. Voglio giocare e dare il massimo per la squadra, i tifosi e la società, punto.

Sull’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus:
Credo che l’aver acquistato un giocatore come Cristiano Ronaldo è una cosa molto positiva per la Juve. È sempre bello avere in squadra un calciatore che segna con la stessa facilità con cui si beve un bicchier d’acqua”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy