L’impazienza di John Toshack: “Klopp? È qui da quattro anni e non ha ancora vinto nulla…”

L’impazienza di John Toshack: “Klopp? È qui da quattro anni e non ha ancora vinto nulla…”

La leggenda del Liverpool, John Toshack parla di Klopp alla vigilia della semifinale d’andata di Champions League contro il Barcellona. E non è felice di una bacheca…che piange.

di Redazione Il Posticipo

Ci sono delle squadre in cui ci si può permettere di realizzare dei progetti, dei percorsi di crescita con calma. Si tratta di squadre che hanno bisogno di una vera e propria rifondazione, per un motivo o per un altro, che non possono mettersi troppa fretta per ricominciare ad accendere il motore e inanellare risultati ma preferiscono procedere ingranando una marcia alla volta. Di certo, dato il prestigio, la storia e le aspettative del pubblico, il Liverpool non è una di queste squadre e per quanto sia benvoluto, per quanto sia simpatico a dirigenza e tifosi, Klopp sta cominciando a finire sotto l’esame della lente d’ingrandimento di qualcuno. Ed è proprio una leggenda del club a scagliare la prima pietra: “È qui da quattro anni e non ha ancora vinto niente“.

DAL 2015 AD OGGI – Con calma? Klopp è arrivato al Liverpool da quasi cinque anni e ha preso in mano una squadra orfana di Steven Gerrard con una rosa composta di tante giovani promesse, qualche giovane di grandi prospettive (non tutte realizzatesi) e diversi veterani come Lucas Leiva e Skrtel. Da quel momento, però, Klopp ha cominciato a dare un’identità alla squadra e a chiedere di anno in anno i rinforzi di cui aveva bisogno fino ad arrivare ad allenare la squadra fenomenale di cui dispone oggi. Ora però l’ambiente comincia a spazientirsi. Impazienza che si traduce nelle parole di John Toshack a Esport Cope.

IMPAZIENZA –Klopp è arrivato da quattro anni e ancora non ha vinto nulla. Non so se questa sia una motivazione o una pressione aggiuntiva“. Riguardo alla semifinale da disputare contro il Barcellona, poi, avverte: “La squadra che ha Messi è necessariamente la favorita ma noi non ci stancheremo in queste due partite. Ci sono dei giocatori con i quali sai di poter vincere le partite, come Crujiff ai miei tempi: il Liverpool ha Salah, Mané e Van Dijk, un grande leader e il Barça ha Messi, Suarez e gli altri“. Dall’alto della sua grande esperienza, il parere di Tosh è rispettabile e ne si dovrebbe fare tesoro. Anche se forse un pizzico di serenità in più non guasterebbe, visto che il Liverpool non ha ancora abbandonato la corsa alla Premier League né alla Champions…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy