L’evoluzione del cucchiaio: Eric Bautheac lo calcia volontariamente…rasoterra

L’evoluzione del cucchiaio: Eric Bautheac lo calcia volontariamente…rasoterra

L’evoluzione del cucchiaio. Eric Bautheac sta diventando rapidamente un fenomeno mediatico per la sua concezione del “cucchiaio”. Nessuna palombella, identico risultato.

di Redazione Il Posticipo

L’evoluzione del cucchiaio. Eric Bautheac scrive una piccola e rivoluzionaria pagina di calcio, catalogabile nel paragrafo “esecuzione” di un calcio di rigore. Il giocatore del Brisbane, campionato australiano, sta diventando rapidamente un fenomeno mediatico per la sua concezione del “cucchiaio”. Nessuna palombella, identico risultato.

RASOTERRA – Il gesto tecnico è assolutamente aderente all’esecuzione dal dischtetto sdoganata da Panenka ed esportata a livello planetario da Francesco Totti. Rincorsa e colpo centrale a beffare il portiere. L’unica differenza, però, è che Bautheac non ha scelto il pallonetto ma un colpo da biliardo. Non calcia. Piuttosto, boccia il pallone che lemme lemme si infila alle spalle del portiere messo comunque fuori causa. Atipico, ma assolutamente efficace.

INUTILE – Lo straordinario, nel senso più pieno del termine, tocco di Bautheac si è rivelato tuttavia inutile. Il suo Brisbane Roar è comunque uscito sconfitto da un match altrettanto insolito per una partita di calcio. L’Adelaide United si è infatti imposta per 3-5. Mai come questa volta, però, il risultato non conta. In pochi, probabilmente, ricorderanno l’esito finale del match, mentre a pochissimi passerà inosservato il calcio di rigore che già sta percorrendo a velocità supersonica l’autostrada del web.

PRECAUZIONI – Del resto per compiere un gesto del genere, si dice si debba essere assolutamente consapevoli o totalmente pazzi. E Bautheac nella sua incoscienza, appariva abbastanza certo di ciò che andava a compiere. Non a caso ha preso le sue precauzioni. Il calciatore non si è fermato dopo la conclusione e ha rallentato la propria corsa solo quando si è reso conto che il portiere avversario non sarebbe mai arrivato sul pallone. E a chi gli chiedeva se quella stramba esecuzione fosse volontaria, ha risposto via social: certo che lo era. Un modo come un altro per passare alla storia…

D0F8DC1B-7208-4846-B8D4-36C86A55767C

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy