Lazio, attenta a quei due…anche se non giocano

Lazio, attenta a quei due…anche se non giocano

Widmer e Fofana non faranno parte dell’undici titolare dell’Udinese contro i biancocelesti. Ma sono due calciatori su cui la Lazio potrebbe puntare per la prossima stagione per rafforzare la rosa.

di Redazione Il Posticipo

Inzaghi sarà contento, Tare forse un po’ meno. L’assenza di Widmer, che dovrebbe partire dalla panchina, e di Fofana, che invece non è ancora a disposizione di Oddo, crea sentimenti contrastanti in casa Lazio. Certo, il primo pensiero sono i tre punti, perchè vincere significa giocare il derby partendo ad armi e punti pari, con l’obiettivo di vincere e portarsi avanti in classifica e negli scontri diretti. Però il Direttore Sportivo biancoceleste è…costretto dal suo ruolo a pensare sia al presente che al futuro. E di certo avrebbe voluto capire se l’esterno destro ed il centrocampista hanno quel che serve per far parte della Lazio che verrà.

L’Udinese è bottega cara

Due calciatori da parecchio nel mirino di molte squadre, ma che ancora non si sono mossi da Udine. Quella dei Pozzo, si sa, è bottega cara. E quando le prestazioni lo permettono, la dirigenza friulana non si spaventa certo a dare valutazioni forse anche esagerate ai propri calciatori. Per questo, spesso e volentieri, chi vuole acquistare dall’Udinese attende che le acque si calmino e che i prezzi tornino…più umani. Ma, indipendentemente dal costo del cartellino, lo svizzero e l’ivoriano, sono pedine di indubbio valore per Oddo e chissà, potrebbero diventarle anche per Inzaghi. Che nei due ruoli apprezzerebbe di certo un po’ di qualità e quantità in più, dato che Basta è avanti con gli anni e che in mediana gli uomini sono contati per la sua Lazio.

Widmer, un giovane con esperienza da vendere

Widmer, in bianconero dal 2013, è un terzino giovane (classe 1993) ma già esperto. Un giocatore molto affidabile, che a differenza di altri obiettivi per la fascia destra non avrebbe bisogno di ambientarsi al nostro campionato, essendone protagonista ormai da un bel po’. Tra le altre caratteristiche che di certo interesseranno Tare ci sono il costo non eccessivo (possono bastare 12 milioni) e soprattutto l’atteggiamento del ragazzo, che di certo arriverebbe senza richiedere un posto fisso in squadra, ma con tutta la voglia possibile di sovvertire le gerarchie e giocarsi le proprie possibilità in un club importante come la Lazio. Per lui in questa stagione 20 presenze tra Serie A e Coppa Italia, con due reti e altrettanti assist. Un ottimo alter-ego per Marusic, con maggiore attitudine difensiva.

Fofana, l’erede di Tourè

Fofana, classe 1995, 23 anni ancora da compiere, non è neanche classificabile come investimento. Basterebbe pensare che arriva dalle giovanili del Manchester City, dove era considerato l’erede di Yaya Tourè. Non è andata esattamente così, ma la giovane età permette di pensare che i margini di miglioramento dell’ivoriano siano ancora molto ampli e che sarebbe un affare per la Lazio portarlo in biancoceleste. La mediana di Inzaghi ha bisogno di quantità e qualità e il calciatore dell’Udinese può fornire entrambe. Fofana è un ottimo centrocampista box to box, specializzato nel recupero del pallone ma anche capace di transizioni in grado di tagliare le difese con facilità e tempismo perfetto. Un calciatore che potrebbe vagamente ricordare, anche se con meno fisicità, Milinkovic-Savic. Di cui potrebbe essere erede o, perchè no, compagno. Di milioni ne servono almeno 15. Ma la qualificazione alla Champions in questo caso potrebbe aiutare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy