Musacchio, per la Lazio un osservato speciale…in panchina

Musacchio, per la Lazio un osservato speciale…in panchina

Contro il Milan, Tare avrà un occhio sul campo e uno alla rosa rossonera: Musacchio può rappresentare un obiettivo nella lista del direttore sportivo della Lazio.

di Mattia Deidda
wallace

Nel giorno della partita di ritorno di coppa Italia contro il Milan, la Lazio non smette di pensare a come rinforzare la rosa. La difesa, senza dubbio, è il reparto che nel corso della prossima sessione di calciomercato dovrà essere sistemato maggiormente. L’idea è quella di continuare a seguire la linea di pensiero che ha portato i biancocelesti dove sono oggi: non solo giovani interessanti, ma anche calciatori in grado di aumentare il livello di consapevolezza della squadra. Giocatori con esperienza europea, in grado di aiutare i più giovani a crescere sotto un punto di riferimento. Contro il Milan, Tare avrà un occhio sul campo e uno sulla panchina rossonera: Musacchio può rappresentare un obiettivo nella lista del direttore sportivo biancoceleste.

Leader della difesa

Classe 1990, argentino, difensore centrale. Arrivato al Milan in questa stagione, l’ex Villarreal ha iniziato l’anno da titolare, per poi perdere lentamente il posto. La possibilità (inaspettata) di tesserare Bonucci, ha portato i rossoneri a cambiare in corsa le idee di mercato, ed ha costretto Musacchio a giocarsi il posto con uno dei migliori difensori d’Europa. Poco utilizzato al Milan, il difensore non avrebbe problemi a sposare il progetto laziale: il prossimo addio di De Vrij, in aggiunta alle poche garanzie che regalano Wallace e Bastos, lo renderebbero un punto fisso di una squadra con importanti ambizioni. Calciatore esperto, sarebbe un punto di riferimento anche per Luiz Felipe, difensore sul quale la società punta molto: non solo 49 presenze europee, ma anche la possibilità di entrare nuovamente nel giro della Nazionale, con la quale ha giocato tre partite per la qualificazione ai Mondiali in Russia.

Ritorno di fiamma

Pagato 18 milioni di euro dal Milan, non proprio una cifra adatta ad un calciatore da tenere in panchina. Con Gattuso a guidare la squadra, l’argentino sembra aver perso anche la titolarità nelle coppe ( Europa League e coppa Italia). Non sarebbe un problema per i rossoneri privarsi del calciatore, cercando di rientrare in parte dei soldi spesi; così come sarebbe semplice per la Lazio convincerlo a venire a Roma. Un ritorno di fiamma per la società biancoceleste: già cercato nel 2014, la società non riuscì a trovare un’intesa con il calciatore in scadenza di contratto, virando poi sull’acquisto di De Vrij. Adesso, con quattro anni di ritardo, Musacchio è il primo candidato per sostituire l’olandese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy