Storie Mondiali – Lampard, Neuer e un non-gol…che era gol!

Storie Mondiali – Lampard, Neuer e un non-gol…che era gol!

Lampard ha incontrato Neuer…in vacanza e i due hanno parlato del gol fantasma non assegnato all’Inghilterra nel Mondiale del 2010. Il portiere tedesco ha ammesso come il gol fosse regolare. Facile dirlo, dopo otto anni!

di Mattia Deidda

Otto anni di attesa e due Mondiali dopo, Lampard torna a parlare del gol fantasma non assegnato all’Inghilterra contro la Germania nella coppa del Mondo del 2010. Un episodio indimenticabile, in grado di valere una carriera. L’Inghilterra, d’altronde, non è mai stata una principale candidata al titolo negli ultimi anni. Eccezion fatta per il 2010, quando nessuna Nazionale partiva favorita, e tutti i calciatori inglesi si trovano nella giusta età per poter vivere con l’esperienza richiesta partite da dentro o fuori. Ci credeva la squadra, ci credevano i tifosi, soprattutto grazie alla presenza di Capello sulla panchina dei Tre Leoni. La terna arbitrale, però, in uno dei più grandi abbagli della storia dei Mondiali, ha spezzato il sogno inglese agli ottavi di finale.

NEUER – Ottavi di finale, Inghilterra-Germania, punteggio sul 2-1 a favore dei tedeschi, dal limite dell’area Lampard lascia partire un tiro che si stampa sulla parte inferiore della traversa, sorpassa la linea per poi tornare in campo. Si strozza in gola l’urlo di gioia del centrocampista, che non si vede assegnare il gol. “Ho incontrato Neuer in vacanza l’anno scorso e ci siamo scambiati un paio di battute a proposito di quell’episodio. È…aperto al fatto che fosse gol”. Parole che fanno sorridere, con tutto il Mondo che nel 2010 aveva visto in tempo reale come la palla avesse sorpassato la linea di un metro. Ci scherza su Neuer, ci sorride Lampard, che però, alla fine, non ha perso occasione per ricordare al portiere l’episodio.

INGHILTERRA – Nomi meno importanti, ma senza dubbio più squadra. L’Inghilterra che si appresta a vivere il Mondiale è forse la migliore selezione degli ultimi anni. Difficile crederlo, quando si ha avuto la possibilità di schierare in campo gente come Lampard, Rooney, Gerrard e Terry (per citarne alcuni). Eppure il girone di qualificazione ha mostrato una selezione forte, compatta, ma soprattutto intelligente, capace di capire quando alzare o abbassare i ritmi. Una qualità che è sempre mancata all’Inghilterra e, in particolare, al calcio inglese. Gli uomini di Southgate vogliono scrivere la storia, pronti a far sorridere (per davvero) Lampard, facendogli dimenticare quel gol fantasma contro la Germania.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy