L’Adidas porta Rafinha in tribunale e la richiesta danni è da urlo: centomila euro al giorno!

L’Adidas porta Rafinha in tribunale e la richiesta danni è da urlo: centomila euro al giorno!

Momento nerissimo per Rafinha. Oltre allo stop confermato per sei mesi, dall’Olanda fanno sapere che l’Adidas vuole portare il brasiliano in tribunale per inadempienza contrattuale. E la richiesta di danni è di quelle che fanno spavento.

di Redazione Il Posticipo

Momento davvero buio per Rafinha. È appena arrivato il comunicato del Barcellona che conferma che il centrocampista starà fermo 6 mesi, perdendosi dunque tutto il resto della stagione 2018/19. In un momento del genere, per un calciatore, qualsiasi altra notizia passerebbe in secondo piano. Sì, ma…fino a un certo punto. Le cose per il figlio di Mazinho potrebbero ulteriormente peggiorare, se non dal punto di vista clinico di certo da quello economico. Da quello che riporta il De Telegraaf, l’Adidas vuole portare il brasiliano in tribunale per inadempienza contrattuale. E la richiesta di danni è di quelle che fanno spavento. Centomila euro. Al giorno.

CONTRATTO – Considerando che il periodo di cui si parla di giorni ne conta almeno un centinaio, improvvisamente Rafinha potrebbe ritrovarsi molto più povero del previsto. Ma meglio andare con ordine. L’Adidas contesta al calciatore di aver smesso di indossare il materiale tecnico della casa tedesca, nonostante fosse ancora sotto contratto. L’accordo di sponsorizzazione originario tra Rafinha e Adidas in realtà è scaduto nell’estate 2018, ma l’azienda teutonica sostiene che sia stato stato tacitamente prorogato di cinque anni perché il calciatore non avrebbe risposto a una richiesta di estensione. Il brasiliano, però, nel frattempo ha trovato un accordo con la Mizuno.

RICHIESTA – E proprio in attesa di definire la sua situazione nei confronti dell’Adidas, Rafinha ha giocato con i suoi nuovi scarpini Mizuno dipinti di nero, per non far riconoscere il marchio. Ma, dal punto di vista dell’azienda tedesca, resta comunque un fatto. Per oltre cinque mesi, Rafinha non ha indossato materiale tecnico Adidas quando per contratto era obbligato a farlo. Risultato? Da quanto riporta De Telegraaf, una richiesta danni stratosferica di centomila euro per ogni giorno di mancato adempimento all’accordo. Facendosi un paio di rapidi calcoli, se il giudice olandese dovesse dare ragione all’Adidas, il brasiliano farebbe prima a versare tutto lo stipendio stagionale nelle casse del suo (ex?) sponsor. E forse a questo punto, il ginocchio preoccuperà anche di meno…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy