La maledizione di Kazan’: la tomba delle grandi

La maledizione di Kazan’: la tomba delle grandi

Nella capitale del Tatarstan hanno lasciato ogni speranza quattro grandi di questo mondiale, che hanno ufficialmente chiuso il proprio cammino in Russia sull’erba dell’impianto del Rubin. E si può ben dire che l’ultima big che ha vinto qualcosa a Kazan’…è la Russia, che l’ha conquistata ai tempi di Ivan il Terribile!

di Francesco Cavallini

LA TOMBA DELLE GRANDI

 

kazan_final_cover

Finiti i quarti, con le partite di Samara e Soči, il mondiale russo diventerà una questione di due città. Semifinali e finali si terranno infatti a Mosca e San Pietroburgo. Salutano così le altre location, più o meno celebri, che hanno segnato questa edizione della Coppa del Mondo. E tra gli altri stadi, nessuno ha minimamente avuto l’importanza della Kazan’ Arena per le sorti della manifestazione. Nella capitale del Tatarstan hanno lasciato ogni speranza quattro grandi di questo mondiale, che hanno ufficialmente chiuso il proprio cammino in Russia sull’erba dell’impianto del Rubin. E si può ben dire che l’ultima big che ha vinto qualcosa a Kazan’…è la Russia, che l’ha conquistata ai tempi di Ivan il Terribile!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy