La Football Association vuole vederci chiaro sul…ditino malandrino di Mourinho

La Football Association vuole vederci chiaro sul…ditino malandrino di Mourinho

A causare qualche problema allo Special One potrebbe non essere solamente il linguaggio vero e proprio, ma anche quello…dei gesti. E in particolare l’ormai celebre mignolo, mostrato a ogni occasione dal tecnico portoghese.

di Redazione Il Posticipo

Un’inchiesta su Mourinho per il dopo Manchester United-Newcastle? Roba già vista, considerando che dopo aver urlato parolacce in portoghese a favore di telecamera, il tecnico dei Red Devils non poteva certo aspettarsi telegrammi di congratulazioni. Ma a causare qualche problema allo Special One potrebbe non essere solamente il linguaggio vero e proprio, ma anche quello…dei gesti. E in particolare l’ormai celebre mignolo, mostrato a ogni occasione dal tecnico portoghese. Da quello che riporta il Sun, la Football Association vorrebbe vederci chiaro sul gesto di Mourinho, al punto che potrebbe essere aperta un’altra investigazione nei confronti del manager del Manchester United.

PICCOLI UOMINI? – Ma a cosa si riferisce davvero il gesto di Mou? Complicato a dirsi, perchè da quando ha cominciato a fare capolino alla fine della partita con il Valencia, le speculazioni sul significato sono state moltissime. Quella post-rimonta contro Benitez è finora la terza apparizione, dato che anche una mattina, arrivando al centro sportivo di Carrington, Mou ha mostrato…il mignolo alla stampa. Riferimento non del tutto casuale ai mezzi di comunicazione? La tesi più accreditata è che il gesto del ditino stia a simboleggiare la…piccolezza umana dei nemici di Mourinho, quelli che nelle parole del portoghese hanno lanciato una vera e propria “caccia all’uomo” nei suoi confronti. Un’idea corroborata dall’enigmatico concetto espresso proprio dallo Special One riguardo il suo gesto. “È un dito. Come tutti gli altri, solo che è più piccolo”. E dopo questa lezione di anatomia umana, il mistero rimane.

SCHOLES – E così continuano a circolare anche le teorie che riguardano il principale avversario mediatico di Mou, Paul Scholes, che sarebbe il vero destinatario della provocazione. A cosa si potrebbe riferire il gesto? Beh, a un incidente…a luci rosse che ha coinvolto Scholes quando ancora giocava con lo United. Durante una partita, i pantaloncini dell’inglese si erano infatti un po’ spostati, lasciando intravedere qualcosa che sarebbe dovuto rimanere nascosto. Per la gioia dello Special One, che secondo questa teoria avrebbe avuto buon gioco di burlarsi…delle dimensioni del suo nuovo “nemico”. Una tesi difficile da dimostrare, se non attraverso una conferma diretta da parte di Mourinho. E se la FA vuole chiedere, facesse pure. Ma non è detto che la risposta del portoghese sia quella che si aspettano a Lancaster Gate…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy