Kovac, il bello di essere…sopportati? Rummenigge lo ammette: “Al Bayern contano i trofei…”

Kovac, il bello di essere…sopportati? Rummenigge lo ammette: “Al Bayern contano i trofei…”

Il club tedesco ha vinto la Coppa di Germania dopo la Bundesliga: così il tecnico croato ha salvato la panchina? A sentire Rummenigge sembra proprio di sì, perché al Bayern conta una cosa più di tutte le altre

di Redazione Il Posticipo

Niko Kovac non lascia… anzi raddoppia! Il Bayern Monaco stravince la finale di Coppa di Germania contro il Lipsia, trascinato dalla doppietta di Robert Lewandowski e dalla rete di Kingsley Coman. Il club bavarese ha alzato il trofeo dopo un digiuno che durava dalla stagione 2015-16, quando sulla panchina bavarese c’era ancora Pep Guardiola (battuto il Borussia Dortmund ai rigori). Dopo questo trofeo Kovac è “salvo”? Di sicuro non rischia al momento…

SOPPORTATO – Venerdì scorso il direttore amministrativo del club bavarese Karl-Heinz Rummenigge aveva ribadito la sua fiducia nei confronti dell’allenatore e aveva detto che il futuro di Kovac non era in discussione, indipendentemente dalla conquista della Coppa di Germania. Dopo il successo col Lipsia, Rummenigge lo ha ribadito ai microfoni di Fox Sports: “Certo, Niko rimane il nostro allenatore, questa cosa non è mai stata oggetto di discussione. Non ce lo siamo mai chiesti: alla fine della giornata, al Bayern conta vincere trofei e il tecnico gioca un ruolo centrale in questo. La squadra è stata formidabile oggi”. Il tecnico croato viene sopportato perché vince? Sembra proprio di sì.

KOVAC E NEUER – Il tecnico ha conquistato la Coppa di Germania per il secondo anno di fila: la scorsa stagione alla guida dell’Eintracht aveva battuto proprio il Bayern. Kovac ha parlato nel post-partita: “Sono molto felice. Il Lipsia ha reso tutto molto difficile e non ci ha dato molto spazio. Col passare del tempo però è stato meno difficile. Vorrei congratularmi con Manuel Neuer per la sua prestazione sensazionale”. Il portiere è sembrato molto soddisfatto ai microfoni di ARD: “Ero molto motivato e pronto in allenamento… Non si poteva scrivere una sceneggiatura migliore. Era molto importante chiudere la stagione così”. Per Kovac è stato fondamentale? Decisamente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy