Karius, il 2018 si chiude…come al solito: prima passa la palla all’avversario e poi “sviene”

Karius, il 2018 si chiude…come al solito: prima passa la palla all’avversario e poi “sviene”

Loris Karius, ci risiamo! Nell’ultimo match dell’anno solare, l’estremo difensore del Besiktas prende quattro gol, di cui due…abbastanza suoi!

di Redazione Il Posticipo

Sembra facile, ma non lo è. È vero che tutti i portieri, almeno un paio di volte in carriera, hanno commesso dei gravi errori. Un esempio recente potrebbe essere preso dalla serie A: Olsen contro il Genoa si lascia passare una palla in mezzo alle gambe, ma contro la Juventus più che da Robin si veste da Batman e salva diverse volte il risultato. È questo che rende grande un portiere, l’errore ci può stare. Ma cosa succede quando l’errore diventa prassi, o quasi? Per informazioni chiedere a Loris Karius, che fino a qualche mese fa rappresentava uno dei profili più interessanti del suo ruolo e oggi è noto al mondo per le sue sviste. Nell’ultimo match del 2018, il tedesco conferma che questo è un anno maledetto e…prende due gol incredibili.

UN PASSAGGIO – La partita di Karius comincia male: a uno dei primi squilli del Kasimpaşa deve già raccogliere la palla dalla propria rete dopo aver lasciato passare, in questo caso non troppo colpevolmente, un buon tiro al volo da una ventina di metri. Ma l’errore è dietro l’angolo. Il primo tempo sta per terminare quando, dopo una buona azione degli avversari, si crea una strana carambola a ridosso dell’area piccola. E Karius, nella sua uscita scomposta tocca male il pallone e serve di nuovo un calciatore del Kasimpaşa. L’incredulo attaccante serve così un compagno che da lì può solo metterla in rete.

CALO DI ZUCCHERI – E il secondo tempo dimostra che forse il portiere di proprietà del Liverpool, dato che al Besiktas è solo in prestito, dovrebbe cercare di assumere nella propria dieta…un po’ più di zuccheri. Dopo aver incassato un’altra rete su rigore, arriva infatti la seconda papera. Pavelka, smarcato al limite dell’area di rigore, tenta un tiro estremamente sbilenco. Karius non vede partire il pallone, che però viaggia alla velocità… di un passaggio. Eppure, niente da fare. Il portiere tedesco si butta quando ormai è troppo tardi e anche in maniera piuttosto scomposta, tanto da sembrare uno svenimento più che un tuffo. La partita finisce 4-1 per il Kimpaşa, che ringrazia e supera di tre punti il Besiktas in classifica. E il 2018 di Karius si chiude nella maniera peggiore possibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy