Kane corre verso la finale… ma c’è la concorrenza di Moura! “Devo allenarmi per superarlo nelle gerarchie”

Kane corre verso la finale… ma c’è la concorrenza di Moura! “Devo allenarmi per superarlo nelle gerarchie”

L’attaccante degli Spurs non è sceso in campo nelle due partite contro l’Ajax per infortunio, ora però sogna di giocarsi la Champions in finale contro il Liverpool. Riuscirà a impressionare Mauricio Pochettino più di Lucas Moura?

di Redazione Il Posticipo

Adesso Harry Kane ci crede per davvero. Il bomber degli Spurs temeva che la sua Champions League fosse finita dopo l’andata dei quarti di finale col Manchester City, quando l’attaccante ha rimediato un brutto infortunio alla caviglia dopo uno scontro di gioco con Fabian Delph nell’andata vinta dal Tottenham (1-0). Al ritorno la squadra di Mauricio Pochettino però ha fatto l’impresa all’Etihad e ha continuato a fare miracoli anche contro l’Ajax ribaltata in Olanda nella ripresa dal 2-0 al 2-3. Kane riuscirà a recuperare in tempo per la finale a vincere la concorrenza?

CONCORRENZA – Kane pensa già alla finale di Champions dopo aver assistito all’impresa della sua squadra alla Johan Cruijff Arena contro i ragazzi terribili di Erik ten Hag, ribaltati grazie a una strepitosa tripletta di Lucas Moura. Al fischio finale Kane è sceso in campo per festeggiare insieme ai suoi compagni e ha parlato ai microfoni di BT Sport in vista della prossima sfida col Liverpool: “Speriamo che la riabilitazione vada bene. Ho iniziato a correre questa settimana. Fin qui tutto bene, se continua tutto così spero di esserci. Lucas ha segnato una tripletta, abbiamo battuto City e Ajax, dovrò allenarmi ancora più duramente e dimostrare di potermi giocare il posto”.

DISCORSO – Il primo tempo dei Lancieri sembrava aver messo fuorigioco gli uomini di Pochettino: Matthijs de Ligt e Hakim Ziyech hanno infilato la porta difesa da Hugo Lloris, nella ripresa però il club inglese ha scetenato l’Inferno. Kane ha raccontato come sono andate le cose negli spogliatoi al fianco di Pochettino: “Sono andato giù a metà del primo tempo, sapevamo che non era buono quel punteggio. Ci siamo detti che c’erano altri 45 minuti, che avevamo solo un altro tempo a disposizione e che non dovevamo preoccuparci di essere stanchi. Nelle due gare forse non abbiamo giocato come avremmo voluto. Il Liverpool ha trovato un modo per battere il Barcellona e anche noi ci siamo riusciti”. Adesso la testa di Kane va alla finale del Wanda Metropolitano… Lucas Moura permettendo?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy