Jasmine…è sparita: un pensiero in meno per CR7?

Jasmine…è sparita: un pensiero in meno per CR7?

Cristiano Ronaldo non attraversa un periodo particolarmente semplice. La sua pausa di campionato è riempita da notizie riguardanti gossip e cause. Intanto Jasmine Lennard, la sua nuova accusatrice, è sparita…

di Redazione Il Posticipo

Non c’è pace per Cristiano Ronaldo in questa lunga pausa di campionato. Il portoghese deve fare i conti con il suo passato, ma intanto dai social è scomparsa Jasmine Lennard, la sua nuova accusatrice. Puff, sparita. Come se niente fosse…

DESAPARECIDA – La notizia arriva dal Mundo Deportivo e riguarda la ex del calciatore portoghese balzata in vetta ai motori di ricerca dei social e nei top trend per via delle sue dichiarazioni, non certo tenere, riservate al fuoriclasse della Juventus, che fra le altre cose è stato definito psicopatico. Quanto basta per irritare chiunque, figurarsi CR7 da sempre gelosissimo della propria vita privata, nonché custode della propria immagine. La ragazza, però, non ha badato a… complimenti, sino a che, improvvisamente si è eclissata.

DIETRO FRONT – Sui social non appare più alcun elemento che possa ricondurre alle pesantissime dichiarazioni rilasciate nei confronti del portoghese. E così Jasmine si è prodotta nel più classico dei dietro front. Anzi, una manovra a U in una strada a senso unico, che potrebbe pero condurla nei guai. Non basta, infatti, cancellare con un colpo di spugna ciò che è rimasto impresso nell’opinione pubblica e probabilmente in diversi screenshot in possesso di milioni di utenti. I più maliziosi, secondo il quotidiano spagnolo, sostengono che dietro questo improvviso addio si celi qualcosa di serio. La scomparsa mediatica potrebbe essere dettata da una scelta precisa: del resto https://twitter.com/Jasminelennard non esiste più.

download

CI SI RIVEDE IN TRIBUNALE? – Chiunque ci clicchi sopra si troverà un messaggio di errore. Anche il profilo Instagram è “blindato”. In questo senso, l’ipotesi che ci sia un consiglio legale, come suggerito dal Mundo Deportivo, non è da scartare a priori. L’unica certezza è che anche questa storia avrà un seguito. Resta da capire quale: bolla di sapone o tribunale?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy