Inzaghi e Tare, ancora insieme e a lungo…

Inzaghi e Tare, ancora insieme e a lungo…

Inzaghi e Tare lontani da Roma? Una ipotesi che non è neanche presa in considerazione dai due artefici del miracolo sportivo biancoceleste.

di Redazione Il Posticipo
tare

Inzaghi e Tare, per il futuro c’è tempo. Alcune voci danno sia l’allenatore che il direttore sportivo in partenza. La coppia che ha trasformato la Lazio in una squadra capace di vincere trofei e lottare per un posto in Champions si scinde? I tifosi biancocelesti possono dormire sonni abbastanza sereni.

INZAGHI – Quando il colpo di testa di Koulibaly ha portato in vantaggio il Napoli, molti tifosi della Lazio hanno avvertito un brivido dietro la schiena. E se salta Allegri? Non è certo una novità che Simone Inzaghi sia corteggiato dalla Signora, che vede in lui il tecnico ideale per lavorare con i giovani e aprire un nuovo corso. E dunque? Niente. Il tecnico ha rasserenato l’ambiente spiegando a chiare lettere che vuole restare a Roma. Del resto, è riconoscente sia alla dirigenza, che ha scommesso su di lui (vero, era una situazione d’emergenza, ma c’erano anche altri nomi liberi) ed è molto legato ai colori biancocelesti. È una bandiera, ha vissuto quasi la metà della sua vita a Roma e considera la Lazio alla stregua di un affetto familiare. E, a proposito di famiglia, ha mille motivi per non lasciare la Capitale. E comunque se si è espresso in questi termini, significa che l’intenzione è chiara. Non può parlare con leggerezza a una piazza che poi si sentirebbe tradita.

TARE – Nei progetti del direttore sportivo biancoceleste c’è, ed è reale, l’intenzione di tornare in Albania, per avviare un progetto ad ampio respiro. Non ora, però, né entro poco tempo. Tare non ha alcuna intenzione di lasciare la Lazio e Inzaghi. Insieme, negli ultimi due anni, hanno rivoluzionato la squadra, trasformando anche il parco giocatori. Da squadra di media borghesia ai salotti buoni del calcio. Tare non ha sbagliato un colpo sul mercato. Inzaghi sul campo. Il tecnico piacentino è l’ideale interlocutore tecnico per il direttore sportivo, che gli consegna diamanti da sgrezzare e si ritrova gemme dal valore incalcolabile. Immobile, Milinkovic, Leiva, Strakosha, Felipe Luiz, Luis Alberto. La lista potrebbe continuare. Di certo non si interrompe questo duopolio che sta regalando enormi soddisfazioni. La missione non è finita: anzi, sembra solo agli inizi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy