Il presidente del Lione: “I tifosi del Marsiglia mi hanno distrutto lo stadio”

Il presidente del Lione: “I tifosi del Marsiglia mi hanno distrutto lo stadio”

Aulas stigmatizza il comportamento dei tifosi del Marsiglia. Che dopo la finale di Europa League hanno divelto seggiolini, smontato telecamere, bruciato parti del tetto e lasciato…ricordini organici al Groupama Stadium.

di Redazione Il Posticipo

Il crollo del Marsiglia, che nel giro di pochi giorni si è fatto scappare l’Europa League e la possibilità di giocare la prossima Champions ha un comune denominatore. Lione. La squadra di Depay si è aggiudicata l’ultimo posto disponibile per l’Europa che conta all’ultima giornata proprio ai danni dell’OM e il suo stadio, il Groupama, è stato sede della finalissima contro l’Atletico Madrid. Una serata indimenticabile in tutti i sensi. In positivo per i Colchoneros, un po’ meno per i tifosi del Marsiglia. E che, in qualche maniera, ha lasciato l’amaro in bocca anche a Jean-Michel Aulas, presidente del Lione.

DANNI – Che avrà certamente apprezzato il fatto che gli acerrimi rivali non abbiano potuto sollevare la coppa nel suo impianto, ma che dopo la partita si è ritrovato lo stadio in condizioni molto peggiori rispetto a quelle in cui l’aveva affidato alla UEFA. La tifoseria del Marsiglia ha infatti sfogato la sua frustrazione su tutto ciò che ha trovato sotto mano. E quindi nel corso di alcuni scontri con la polizia sono stati divelti seggiolini e smontate telecamere a circuito chiuso. In qualche maniera i fumogeni dei marsigliesi sono addirittura riusciti a danneggiare il tetto del Groupama Stadium. Un comportamento inaccettabile, che è stato stigmatizzato da Aulas. Il quale a BFMTV Sport ha anche menzionato un’altra tipologia di danno non ancora venuta alla luce.

ESCREMENTI? – “Quello che mi è andato per traverso è che i tifosi del Marsiglia ci hanno demolito lo stadio e nessuno lo ha detto. Eppure non è stata una bella cosa, si sono comportati molto male. Ci sono molti danni, che la UEFA punirà giustamente. C’erano feci dappertutto sugli spalti, non è certo stato un buon comportamento“. Ecco, degli escrementi nessuno aveva ancora parlato, mentre la conta dei danni del Groupama era già stata pubblicata dal Daily Mail un paio di giorni dopo la finale. L’UEFA ha acquisito le registrazioni (quelle delle telecamere rimaste integre) e cercherà di identificare i teppisti, che tra le altre cose si sono resi protagonisti anche di furti ai negozi di merchandising e ai bar dello stadio. Alla fine Aulas ha avuto la sua vendetta sportiva tre giorni dopo. E i tifosi del Marsiglia, oltre a vedere la propria squadra perdere tutto in capo a 72 ore hanno fatto anche una bella figura di…ci siamo capiti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy