Il Napoli apre al Chelsea: in arrivo uno sconto per Sarri?

Il Napoli apre al Chelsea: in arrivo uno sconto per Sarri?

Il presidente De Laurentiis continua a richiedere una compensazione per lasciare libero l’allenatore toscano di accasarsi al Chelsea. Ma secondo il Daily Mirror, potrebbe abbassare le sue pretese di qualche milione di euro.

di Redazione Il Posticipo

Estate, quasi tempo di saldi. Certo, non sul mercato, dato che i prezzi dei calciatori stanno raggiungendo valori esorbitanti. E pian piano si stanno adeguando…anche i tecnici, che ormai, clausole alla mano, è come se avessero un vero e proprio cartellino anche loro. Quello di Maurizio Sarri, ad esempio, si attesta sugli otto milioni. Quelli della famosa clausola, ormai scaduta a fine maggio, che nessuno ha versato nelle casse del Napoli. Il presidente De Laurentiis continua però a richiedere una compensazione per lasciare libero l’allenatore toscano e non pare intenzionato ad abbassare le sue pretese. E quindi ogni soluzione per l’ex tecnico degli azzurri resta bloccata dal contratto in essere. A meno che…

SCONTO – Dall’Inghilterra, più precisamente dal Daily Mirror, arrivano indiscrezioni riguardo un possibile sconto da parte del Napoli. In fondo, anche un qualcosa di comprensibile. Al momento attuale, la società partenopea si ritrova a libro paga due allenatori e, sebbene voglia monetizzare l’addio a Sarri, non vuole neanche pagare uno stipendio inutile. Ecco quindi perchè, secondo la testata inglese, De Laurentiis potrebbe andare incontro al tecnico e al suo principale corteggiatore, Roman Abramovich, che vuole portare a Londra Sarri ma si trova anche lui stretto tra due fuochi. Da otto milioni a cinque, una riduzione non totale ma comunque sensibile,. Una cifra che farebbe comunque contento il Napoli e che potrebbe convincere il club inglese a sferrare l’assalto.

E CONTE? – Non solo a Sarri, dato che pare che nel mirino dei Blues ci sia anche qualcuno dei suoi fedelissimi. In particolare, Raul Albiol, lui sì con una molto appetibile clausola rescissoria che si attesta sui sei milioni di euro. In Inghilterra sono convinti che alla fine l’affare si farà, dato che in fondo si tratta solo di un problema…di portafogli. E lo sconto di tre milioni potrebbe anche rendere meno amara la parcella di Antonio Conte, che continua a resistere sulla panchina del Chelsea e aspetta solamente la comunicazione dell’esonero e i nove milioni che gli spetterebbero in caso di risoluzione anticipata del contratto. Questione di soldi, dunque. Volendo essere irriverenti, un po’ il colmo per un ex bancario come Sarri!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy