Ibra all’attacco: “La situazione di Pogba è ridicola, gli ex calciatori devono farsi gli affari loro”

Ibra all’attacco: “La situazione di Pogba è ridicola, gli ex calciatori devono farsi gli affari loro”

Non passa giorno che il francese del Manchester United non finisca sotto il mirino delle critiche. E siccome molti lo attaccano, Zlatan Ibrahimovic, che con Pogba, oltre al procuratore, ha condiviso lo spogliatoio di Old Trafford, lo difende. Ovviamente, alla sua maniera.

di Redazione Il Posticipo

Tutti contro Pogba. Ora la situazione è un po’ migliorata rispetto agli scorsi mesi, ma non passa giorno che il francese del Manchester United non finisca sotto il mirino delle critiche. Molte delle quali vengono da ex colleghi, magari anche compagni di squadra, che tra giornali e trasmissioni TV dicono la loro sul campione del mondo e sulla sua importanza per la squadra di Mourinho. E siccome molti lo attaccano, Zlatan Ibrahimovic, che con Pogba, oltre al procuratore, ha condiviso lo spogliatoio di Old Trafford, lo difende. E lo fa alla sua maniera, dando la propria opinione a Four Four Two su quelli che senza parlar male del suo amico Paul proprio non sanno stare.

RIDICOLA – “Credo che la situazione per cui Pogba è diventato un problema sia un po’ ridicola. Tutto il mondo lo critica, qualsiasi cosa succeda è colpa di Pogba. Ma la gente parla solamente perchè vuole ricevere attenzione si aspetta costantemente miracoli. Quelli che lo criticano dovrebbero rilassarsi un po’ e guardarsi allo specchio. In particolare gli ex calciatori, che dovrebbero chiedersi cosa facevano di buono loro quando giocavano, perchè non è che fossero molto migliori, questo ve lo posso assicurare”. Solite…parole distensive da parte dello svedese, che evidentemente con il campione del mondo ha un ottimo rapporto, dato che ha più volte ammesso di considerarlo un campione.

AFFARI LORO – Che rincara la dose, sottolineando che molti dei grandi ex non avrebbero…neanche diritto di giudicare Pogba. “Ho giocato contro molti di loro. Alcuni erano bravi, altri meno, altri ancora pensavano di essere forti, ma non lo erano… Dovrebbero tutti calmarsi e pensare agli affari loro, ma li pagano per parlare e quindi… Li pagano anche per attirare l’attenzione, ma occhio, quello che dicono deve essere corredato da dati concreti. Tutti quanti siamo dei professionisti, dobbiamo essere responsabili nel fare quello che dobbiamo fare. Quando si parla di Paul, sembra una questione personale. E quando qualcosa diventa personale, non è più professionale”. Non c’è che dire, per essere una difesa, sembra…un gran bell’attacco. I destinatari? Considerando che i critici più vocali del francese sembrano essere l’ex United Scholes e l’ex Liverpool Carragher, forse ce n’è qualcuno ben preciso. E conoscendo i tipi, forse siamo solo all’inizio di una bella polemica mediatica…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy