Croazia: l’Hajduk Spalato perde la finale e si complimenta con…gli arbitri

Croazia: l’Hajduk Spalato perde la finale e si complimenta con…gli arbitri

Scandalo in Croazia: l’Hajduk Spalato, una volta persa la finale di coppa contro la Dinamo Zagabria, decide di complimentarsi con gli arbitri, pubblicando una loro foto su Twitter.

di Mattia Deidda

Tutto il mondo è paese. Il calcio è divertimento, gioia, sofferenza e, soprattutto, polemica. Poco importa che si tratti di un campionato di periferia o della Champions League: in qualsiasi partita, al termine di una competizione, ci saranno persone pronte a lamentarsi ed accusare gli arbitri, principali responsabili della loro sconfitta. Non succede solamente nei grandi palcoscenici, sotto i riflettori più luminosi del mondo. L’ultimo episodio di questo genere arriva dalla Croazia, dove l’Hajduk Spalato perde contro la Dinamo Zagabria per 1-0 la finale della coppa Nazionale.

TWEET – Di fare i complimenti agli avversari non se ne parla, specialmente se si sono vissuti 90 minuti pieni di polemiche. Un post partita ricco di rabbia, tanto che l’addetto all’account Twitter del club non riesce a trattenersi e, probabilmente con il permesso della società, pubblica una foto del quintetto arbitrale con sopra scritto “Congratulazioni”. Un tweet che può sembrare dettato dalla rabbia, ma che in realtà ha dietro un motivo ben preciso. L’accusa del club, pubblicando la foto degli arbitri, è indirettamente rivolta a chi gestisce i fili del calcio croato, ovvero Zdravko Mamic, cresciuto nella Dinamo Zagabria, squadra di cui è anche stato il presidente.

LA POLEMICA – Tre episodi su tutti per scatenare l’ira della società. Terminati i 90 minuti, l’Hajduk Spalato non ha saputo resistere, ed ha ceduto alla rabbia per aver perso immeritatamente la partita, contro una Dinamo Zagabria che viene, a detta del club, costantemente aiutata. Prima un fuorigioco inesistente segnalato al 22′ sullo 0-0, che avrebbe portato l’Hajduk a giocare in superiorità numerica per fallo da ultimo uomo di Peric. Poi al 28′ un contrasto in area di rigore che porta all’ammonizione per simulazione del centravanti Gyurcso. Sempre l’attaccante protagonista all’88’, a pochi minuti dalla fine della partita, quando cadendo in area reclama per l’ennesimo rigore non assegnato. Quanto basta per meritare un tweet che si congratula con quelli che, secondo l’Hajduk, sono i veri vincitori della partita…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy