Crisi migranti, Guardiola ha pagato le riparazioni della nave di Proactiva Open Arms

Crisi migranti, Guardiola ha pagato le riparazioni della nave di Proactiva Open Arms

La riparazione della barca dell’organizzazione, avvenuta in Italia mentre l’imbarcazione era ormeggiata nel porto di Pozzallo, in Sicilia, è stata pagata da un sostenitore molto speciale: il tecnico del Manchester City.

di Redazione Il Posticipo

Òscar Camps, il responsabile della ONG spagnola Proactiva Open Arms, che agisce nelle operazioni di recupero di migranti nel Mediterraneo da ormai quasi tre anni, ha raccontato in una intervista radiofonica al programma “El món a RAC1” un retroscena molto particolare. La riparazione della barca dell’organizzazione, avvenuta in Italia mentre l’imbarcazione era stata sequestrata dalle autorità tricolori ed era ormeggiata nel porto di Pozzallo, in Sicilia, è stata pagata da un sostenitore molto speciale, che ha speso ben 150mila euro per far sì che potesse riprendere il mare. Pep Guardiola, da sempre campione di molte cause civili (tra cui, ovviamente, quella dell’indipendenza catalana), ha contribuito di tasca sua alle spese.

SOSTENITORE – Una donazione straordinaria, che va ad aggiungersi all’impegno di Guardiola nel sostenimento della ONG, che per le sue operazioni di salvataggio ha continuamente bisogno di supporto economico. Due anni fa il tecnico si era di già speso in prima persona, stavolta come protagonista di una campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi da parte di Proactiva Open Arms. Nel video Guardiola, con tanto di giubbotto di salvataggio, racconta di una squadra che gioca ogni giorno una finale. Che spesso vince, ma che ogni tanto perde. E che ha bisogno di tutto il supporto possibile. Stavolta però, Pep è passato dalla telecamera…ai fatti.

L’AIUTO DI PEP – Ed è strano che la notizia sia trapelata, dato che il tecnico catalano è molto schivo da questo punto di vista e non ha mai raccontato delle molte opere di beneficenza che nel corso degli anni ha compiuto. Ma Camps, anche alla luce della crisi migratoria, ha invece voluto sottolineare l’apporto di Guardiola alla causa, ringraziandolo per tutto ciò che continua a fare per l’ONG. “Di solito ci arrivano piccole donazioni per far fronte alle spese che dobbiamo affrontare per le operazioni in mare, ma quando ci sono eventi straordinari, come questa riparazione, abbiamo ancora più bisogno dell’aiuto delle persone. E non è la prima volta che Guardiola fa una cosa del genere”. Dopo il fiocco per la Catalogna, ecco il denaro per Proactiva Open Arms. Una vittoria fuori dal campo, di cui Pep non si vanterà ma di cui può essere orgoglioso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy