Guardiola furioso coi giornalisti: “Per voi adesso sono un genio, quando ho messo Delph a Londra invece…”

Guardiola furioso coi giornalisti: “Per voi adesso sono un genio, quando ho messo Delph a Londra invece…”

Il Manchester City vince 1-0 col Tottenham e torna in testa alla classifica con un punto di vantaggio sul Liverpool di Jürgen Klopp. Decisivo Phil Foden: una mossa geniale di Pep Guardiola? A questo proposito il manager dei Citizens è stato polemico nel post-partita…

di Redazione Il Posticipo

Il City si piega, ma non si spezza. Dopo la tremenda delusione incassata nel ritorno dei quarti di Champions League (vincere 4-3 col Tottenham non è bastato per andare in semifinale), la squadra di Pep Guardiola ha sfidato di nuovo quella di Mauricio Pochettino… ma questa volta in palio c’era la Premier League! I campioni d’Inghilterra in carica hanno vinto 1-0 grazie al colpo di testa vincente di Phil Foden: tanto gli è bastato per lasciarsi alle spalle il Liverpool (+1) e tornare in testa alla classifica. Nel post-partita Guardiola ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino…

SCELTA FODEN – Le scorie della Champions si fanno anche sentire e basta guardare in faccia Guardiola per capire il suo stato d’animo. Il manager dei Citizens è apparso teso nella conferenza stampa dopo la vittoria col Tottenham per 1-0 che tiene in vita il sogno Premier. I giornalisti presenti in sala stampa gli hanno chiesto che cosa si aspettava da Foden nel momento in cui ha deciso di schierarlo titolare, Pep ha replicato seccamente: “Ora sono un genio? Se lo faccio partire titolare e segna allora dite che sono un buon allenatore… Quando ho messo Fabian Delph a Londra è stato tutto un disastro?”. Al catalano sono andate di traverso le critiche incassate per aver puntato sul difensore nella trasferta al Tottenham Hotspur Stadium nell’andata dei quarti, dove i padroni di casa hanno vinto 1-0 grazie a Son.

SCONFITTE – Guardiola ha spiegato meglio il concetto per chiunque non lo avesse capito: “Ogni volta che perdiamo, mi chiedete se cambierò il modo in cui giochiamo e se voglio variare qualcosa. Vi chiedete che cosa succederà se Pep non cambierà il suo stile di gioco perché crede ancora in una determinata cosa… La verità è che aspettate le sconfitte per giudicarmi”. Parole dure, durissime che il manager dei Citizens non vedeva l’ora di rifilare ai suoi detrattori che lavorano nella carta stampata, tornati improvvisamente in auge dopo l’eliminazione del City ai quarti di finale di Champions. Guardiola tira dritto e soprattutto ritorna in testa alla classifica: la vittoria della Premier per il secondo anno di fila potrebbe bastargli per prendersi la sua rivincita dopo tutte le critiche ricevute?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy