Guai in vista per Mariano Diaz? Va agli allenamenti…con la macchina sbagliata

Guai in vista per Mariano Diaz? Va agli allenamenti…con la macchina sbagliata

Il ragazzo che ha sfidato Cristiano Ronaldo, prendendosi la pesante eredità della maglia numero 7 al Real Madrid, è scomparso dai radar. E in attesa di capire se Solari gli vorrà dare fiducia, arriva qualche guaio imprevisto che può costargli davvero caro. Almeno, se si parla di portafogli.

di Redazione Il Posticipo

Dov’è finito Mariano Diaz? Il ragazzo che ha sfidato Cristiano Ronaldo, prendendosi la pesante eredità della maglia numero 7 al Real Madrid, è scomparso dai radar. E dire che la partita di Champions contro la Roma sembrava poterlo lanciare definitivamente, quando appena entrato ha realizzato la rete del 3-0 per i Blancos. Da lì in poi, però, il vuoto. Zero gol e con Solari pochissimi minuti, forse per infortunio, forse no. E in attesa di capire se il tecnico argentino vorrà dare fiducia al ragazzo…recomprato dal Lione, per Mariano arriva qualche guaio imprevisto che può costargli davvero caro. Almeno, se si parla di portafogli.

ROLLS ROYCE – Sport.es riporta infatti che l’attaccante ha fatto una gran bella gaffe nei confronti del Real Madrid, ma soprattutto di uno degli sponsor più remunerativi dei Blancos. Cosa ha combinato? Beh, si è presentato agli allenamenti alla Ciudad Deportiva di Valdebebas con una Rolls Royce da 250mila euro. C’è qualche regola che vieta di arrivare a bordo di auto di lusso? Ovviamente no, ma c’è un patto non scritto (del quale evidentemente nessuno ha informato Mariano Diaz) affinchè tutti i calciatori, in occasioni ufficiali, si facciano vedere a bordo di vetture della Audi, che solitamente regala un modello diverso a ogni giocatore che viene messo sotto contratto da parte della Casa Blanca.

MULTA – E siccome gli sponsor sono una cosa seria, per Mariano Diaz potrebbe scattare una multa molto salata, da aggiungere quindi al conto del concessionario per l’acquisto della Rolls Royce. Che a questo punto dovrà rimanere in garage, a meno che l’attaccante  non decida di utilizzarla per attività che non siano…ufficiali e legate al Real Madrid. Un altro problema a cui pensare, dopo quello fisico che lo ha costretto a fermarsi per tre partite. Chissà, magari se ne aggiungeranno altri se Solari dovesse confermare che non nutre molta fiducia in lui, che era stato espressamente richiesto da Lopetegui. E va a finire che forse non è stata sbagliata solo la scelta della macchina, ma anche…quella della squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy