Gatto bianco o gatto nero? Per Achille, l’Argentina perderà!

Gatto bianco o gatto nero? Per Achille, l’Argentina perderà!

L’Argentina ha già i suoi bravi problemi. Ci mancava anche Achille, il gatto bianco. O gatto nero? Il micio ha stabilito che l’Albiceleste uscirà dal mondiale.

di Redazione Il Posticipo

L’Argentina ha già i suoi bravi problemi. Ci mancava anche Achille, il gatto bianco. O gatto nero? Nel dubbio i tifosi argentini si affideranno a ogni scaramanzia possibile. Infobae riporta la ferale notizia. La mascotte pelosa a quattro zampe nella sua incoscienza ha decretato l’Argentina fuori dal Mondiale per mano della Nigeria. E occhio, Achille non sbaglia.

IDOLO – È infatti il gatto più temuto dai bookmakers. Il simpatico micetto bianco sta ricalcando le orme di un suo predecessore, anche se di specie diversa: il polpo Paul. Oggi come allora, al momento di indicare il pronostico, il felino non si è mai sbagliato. Certo, non è stato interpellato per tutte le partite, ma ogni qualvolta è stato chiamato in causa ha offerto il proprio contributo con straordinaria professionalità.

INFALLIBILE – Proprio come il polpo Paul, Achille ha azzeccato ogni pronostico: ha scelto la ciotola della Russia nella partita d’esordio e non ha sbagliato. 5-0 per i padroni di casa. Ha concesso anche un gradito bis in occasione di Russia-Egitto, regalando così la seconda vittoria e la qualificazione ai suoi “padroncini”. Infine ha anche provato a “giocarsi” gli altri gironi e anche in questo caso ci ha preso: ha scelto la ciotola verdeoro del Brasile che ha superato (quasi) agevolmente la Costa Rica. Tre su tre, dunque, con tanto di clean sheet. Insomma, Achille è uno di cui ci si può fidare. Ma come fa a indovinare?

PROCEDURA – La procedura del pronostico è semplice. E ha anche una sede prestigiosa. L’Hermitage del Museo di San Pietroburgo, che offre vitto e alloggio. Il momento del pasto assume particolare importanza. Il gattino ha davanti a sè due ciotole contenenti il cibo e “griffate” con il nome delle squadre che sono in competizione. Achille si avvicina e…non sbaglia. Non avrà orecchio, dato che è sordo, ma ottimo fiuto e un istinto straordinario. A meno che, e non è un’ipotesi da scartare a priori, dal museo non abbiano reso note solo le partite che ha indovinato. Nel dubbi, l’Argentina trema…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy