Dele Alli “bersaglio mobile” dei tifosi dell’Arsenal, si vendica a modo suo…

Dele Alli “bersaglio mobile” dei tifosi dell’Arsenal, si vendica a modo suo…

Il “North London Derby” si prende le prime pagine dei quotidiani inglesi per un episodio che ancora una volta ha poco a che fare con il calcio. Dele Alli bersagliato dal lancio di bottiglie, risponde con un gol, ma si infiammano le polemiche per quanto accaduto.

di Redazione Il Posticipo

Arsenal –Tottenham fuori dall’ordinario. Derby di Londra, come sempre, molto sentito nella parte nord della città, ma questa volta si è andati oltre. Durante il match, come riporta il Sun, Dele Alli è stato “bersaglio” mobile dei tifosi dell’Arsenal che, al 72′, hanno ben pensato di lanciare delle bottigliette per colpirlo dopo che il ragazzo aveva segnato, una quindicina di minuti prima, il gol dello 0-2. Un gesto che sta facendo molto scalpore in Inghilterra, considerando che arriva qualche giorno dopo la banana recapitata a Aubameyang. Un bis non richiesto che ha scosso moltissimo l’opinione pubblica inglese.

VENDETTA – Dele Alli, non appena è stato “a portata”, è stato vittima di un lancio di bottiglie. Una l’ha centrato in testa, ma il centrocampista ha risposto da par suo: sul campo. Il suo gol che ha chiuso la partita, poco prima, e  ha di fatto decretato l’eliminazione dei Gunners dalla Carabao Cup è stato “riproposto” proprio di fronte a quegli stessi “tifosi” che gli avevano lanciato addosso la bottiglia. Il centrocampista del Tottenham è andato a mimare e a “ricordare”, con sorriso sarcastico, il risultato con le mani. Un gesto che ha inferocito la tifoseria e che ha reso necessario l’intervento di Sokratis per evitare un nuovo bombardamento. E a fine partita, Alli ha sdrammatizzato: “Rende ancora più dolce la vittoria”

VIOLENZA – Caso chiuso? Assolutamente no. Il lancio di oggetti in campo non è assolutamente tollerato in Inghilterra. Non appartiene alla cultura del calcio anglosassone, specialmente quella del nuovo secolo. Redknapp ha immediatamente bollato come “disgustoso” quanto accaduto. “Ovviamente non si parla di razzismo, ma se senti il ​​bisogno di venire allo stadio e assistere a una partita per lanciare qualcosa a un giocatore professionista, non dovresti andarci. È un comportamento disgustoso. È imbarazzante. Questi sono ragazzi che danno il massimo per intrattenere e divertire la gente. Chi ha intenzione di lanciare qualcosa contro di loro è disgustoso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy