Dalla Spagna: nell’ultima di campionato Kiko Casilla voleva picchiare Zidane?

Dalla Spagna: nell’ultima di campionato Kiko Casilla voleva picchiare Zidane?

Dalla Spagna arriva un’indiscrezione su uno dei possibili motivi dell’addio di Zizou. Ci sarebbe stato un confronto molto acceso tra il tecnico e Kiko Casilla durante l’ultimo match di campionato. Colpa di…Luca Zidane?

di Redazione Il Posticipo

Da quando Zinedine Zidane ha lasciato la panchina del Real Madrid, gli sport nazionali in Spagna sono stati due. Trovargli un successore, opera tuttora in corso, e capire i motivi di un addio che ha lasciato sorpresi un po’ tutti. La versione di Zizou, la necessità per il Real di cambiare, di essere in continua evoluzione, ha convinto, ma fino ad un certo punto. E naturalmente la ridda di voci riguardo i reali motivi del suo improvviso distacco dalla Casa Blanca non smette di regalare colpi di scena. L’ultimo è arrivato durante la celebre trasmissione El Chiringuito de Jugones, in cui Cristobal Soria, ex dirigente del Siviglia celebre per il suo antimadridismo, ha lanciato una vera e propria bomba mediatica.

COLPA DI ZIDANE…JUNIOR – Secondo l’opionionista, riportato da AS, uno dei motivi dell’addio di Zizou è da ricercarsi nell’ultima partita di Liga. Quella, per intendersi, in cui il tecnico ha schierato in porta suo figlio Luca. Per il ventenne figlio d’arte è stato l’esordio in campionato, non troppo fortunato viste le due reti subite. Per suo padre potrebbe essere stato l’inizio della fine dell’avventura sulla panchina del Real. Colpa, secondo Soria, di un confronto un po’ troppo acceso con Kiko Casilla, secondo portiere dei Blancos, che si è visto scavalcare nelle gerarchie dal figlio dell’allenatore. Ma ci sarebbe di più. La mancata presenza contro il Villarreal sarebbe costata al portiere di riserva del Real Madrid ben seicentomila euro.

PARAPIGLIA – Soria sostiene infatti che il contratto di Casilla preveda un bonus per le presenze e che l’assenza nell’ultima di campionato avrebbe impedito al cospicuo aumento di scattare. E alla comunicazione delle formazioni ufficiali sarebbe scattato un parapiglia che ha coinvolto tutto lo spogliatoio, con il portiere di riserva che avrebbe addirittura tentato di colpire il tecnico. Una situazione che, se confermata, spiegherebbe almeno in parte la volontà di Zizou di lasciare il club. Anche…per il bene di suo figlio, dato che anche le ultime frizioni di mercato, quelle per il tentato acquisto di Kepa da parte del Real senza il consenso del tecnico, erano legate all’ostracismo nei confronti del ventenne Luca. Che comunque di certo non se la vedrà bene, ora che papà…non è più alla guida.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy