Continua l’ondata di furti ai calciatori in Spagna: stavolta tocca a Zidane e Isco! Colpa dei social?

Continua l’ondata di furti ai calciatori in Spagna: stavolta tocca a Zidane e Isco! Colpa dei social?

Zidane ed Isco si aggiungo alla sfortunata lista degli uomini di calcio che hanno subito una rapina in casa. A dare una mano ai ladri, però, sono spesso i calciatori stessi, che tramite i profili social aiutano i malintenzionati.

di Redazione Il Posticipo

I ladri non dormono mai.  Lo sanno bene i calciatori, specie gli spagnoli, ancor di più quelli che vivono a Madrid. Dopo la vicenda Morata, con i ladri entrati in casa a mano armata con i familiari del calciatore presenti, secondo quanto svelato da ‘Jugones’, programma condotto da Josep Pedrerol, si uniscono alla lista due tesserati del Real Madrid: Zidane ed Isco.

LADRI – Che le case dei calciatori fossero le più gettonate tra i ladri è una certezza. Ultimamente, però, in Spagna, le cose stanno raggiungendo numeri preoccupanti: Piqué, Jordi Alba, Morata, Boateng, Kondogbia, Garay, Benzema e Joaquin sono i calciatori vittime dei furti andati in scena nell’ultimo periodo. Con Zidane ed Isco ad aggiungersi alla lista, si sale a quota undici, il numero perfetto per poter mettere in campo una formazione.

SOCIAL – Ad aiutare i ladri nel loro compito, sono i social. Durante l’anno calcistico sapere quando un calciatore si trova in casa o meno è semplice: basta vedere il calendario delle partite. Durante l’estate, invece, ci pensano i calciatori stessi, che con i post sui social network agevolano notevolmente i malintenzionati. A differenza di Morata, per Isco e Zidane, alla fine dei conti, è andata bene: durante l’accaduto, nessuno dei due era in casa, con nessun familiare che ha quindi dovuto vivere la terribile esperienza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy