Chi lo dice che basta segnare? Tra 16′ e 45′ il gol vale… di più!

Chi lo dice che basta segnare? Tra 16′ e 45′ il gol vale… di più!

Per vincere una partita servono molte cose: organizzazione, determinazione e tempismo. Secondo uno studio fatto in Spagna, per avere la meglio alla fine non è sufficiente buttare il pallone in fondo al sacco: conta soprattutto quando lo si fa!

di Redazione Il Posticipo

Chi segna un gol in più vince: nel calcio basta questo. Il valore di ciascuna rete ha un’importanza enorme per il risultato finale. Ciascuno però interpreta questa tendenza a modo suo: c’è chi gioca per non prenderle e capitalizzare un golletto a proprio favore, c’è chi invece spinge sempre al massimo perché ragionando sul minimo scarto ci rimetterebbe le penne. Negli ultimi anni lo studio delle statistiche è diventato sempre più importante per capire il calcio: in Spagna sembrano averci preso gusto, come riporta Marca…

TRA 16′ E 45′ – Secondo quanto rivelato da una ricerca che arriva dalla Spagna infatti sarebbe tutt’altro che banale il momento in cui arriva una rete: lo studio di Martínez e González-García (2018) dal titolo “Analisi dei gol nel calcio europeo e quando influenzano maggiormente la classifica finale” mostra infatti come i gol segnati tra 16′ e 45′ del primo tempo valgano di più ai fini del risultato finale. Basta infatti dare un’occhiata alle classifiche dei top 5 campionati europei per avere conferme in questo senso: le squadre che hanno segnato più gol in questo intervallo di tempo hanno concluso la stagione in posizioni più alte della classifica rispetto alle altre.

PSICHE E PIATEK – Solo una coincidenza o c’è qualcosa di più? Secondo altri studi, sbloccare il punteggio provoca un effetto psicologico positivo sulla squadra che va avanti, rendendo la vittoria più probabile, e invece un effetto psicologico negativo sulla squadra in svantaggio. A proposito di goleador… Le ipotesi dello studio di Martínez e González-García (2018) applicato alla classifica marcatori della Serie A trovano (quasi) conferme: tra 16′ e 45′ infatti Cristiano Ronaldo ha segnato 3 gol su 14 totali, Piatek 9 su 13, Quagliarella 4 su 12. Insomma, come insegna il rossoblù, chi ha il vizio del gol… sa anche quando deve segnare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy