Caso Sala, arrestate due persone per la diffusione delle foto del corpo

Caso Sala, arrestate due persone per la diffusione delle foto del corpo

Un pizzico di giustizia nella tragedia più totale. La polizia è riuscita ad individuare i due responsabili della pubblicazione delle foto del corpo all’obitorio di Emilano Sala.

di Redazione Il Posticipo

Non c’è pace per la famiglia di Emiliano Sala, che continua ad occupare tragicamente le prime pagine dei giornali. Non solo l’incidente aereo che è costato la vita al calciatore e, notizia di qualche giorno fa, l’infarto fatale che ha colpito il padre di Sala. A peggiorare ancor di più la situazione, le foto pubblicate online del corpo dell’argentino all’obitorio di Bournemouth, nel Dorset.

ARRESTO – Nella tragedia, quanto meno, una buona notizia. O almeno un po’ di giustizia. Gli investigatori, infatti, sono riusciti ad individuare i due responsabili della pubblicazione delle foto messe online. La polizia del Wiltshire, come riporta il Sun, ha arrestato una donna di 48 anni con l’accusa di accesso non autorizzato a materiale informatico e comunicazioni malevole, attualmente rilasciata su cauzione condizionale. Stessa sorte per un uomo di 62 anni, arrestato per la stessa accusa e rilasciato sotto inchiesta.

POLIZIA – Un funzionario delle forze dell’ordine ha spiegato la situazione: “Non ci sono prove che facciano pensare ad un’irruzione nell’obitorio, così come non ci sono prove che qualche dipendente dell’obitorio sia coinvolto nell’illecito”. Continua, poi, il detective ispettore Gemma Vinton: “I miei pensieri rimangono con la famiglia di Emiliano per il dolore che hanno sopportato negli ultimi tre mesi, e che non dovrebbe continuare attraverso l’ulteriore angoscia di sapere che immagini così angoscianti siano circolate su Internet. Inviterei anche le persone a smettere di condividere l’immagine – questo sta causando ulteriore angoscia alla famiglia e agli amici di Emiliano”. Nella tragedia generale, quindi, un pizzico di giustizia, sperando poi, per la famiglia, di riuscire a chiarire ogni dubbio sulla vicenda.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy