Brasile, Somália confessa: ha inventato un rapimento…per non presentarsi agli allenamenti!

Nel 2011 il calciatore brasiliano Somália aveva denunciato di essere stato vittima di un rapimento a scopo di rapina. Ma sette anni dopo ha confessato: tutto inventato, voleva nascondere una "notte brava" e non beccarsi una multa!

Una storia che ha dell’incredibile: un finto rapimento. Protagonista dell’assurda vicenda, Paulo Silva, meglio noto come Somália, è arrivato a simulare un pestaggio con tanto di rapimento pur di nascondere una “notte brava”.

RAPITO? – Oggi il calciatore è disoccupato e ha 34 anni. Ha speso una carriera piuttosto modesta giocando in squadre di medio e basso livello, con l’apogeo arrivato ai tempi del Botafogo. Il “crimine” risale proprio al periodo in cui il calciatore giocava nella squadra carioca, specificatamente al 2011. Secondo quanto riporta A Bola, in un occasione questo personaggio piuttosto particolare non si presenta ad un allenamento, dichiarando successivamente di essere stato aggredito, rapinato e rapito. Ma la realtà è ben diversa e presto è venuta presto a galla…

FESTA –La polizia era infatti in possesso di un nastro delle videocamere di sicurezza, reperito anche piuttosto facilmente, in cui il calciatore rientra alle cinque del mattino e nasconde i gioielli, che secondo la sua versione gli avrebbero rubato, nel proprio garage. Eppure, non è mai intervenuta per “smascherare” pubblicamente il bugiardo. Le forze dell’ordine, in accordo con il club, non hanno mai reso note le immagini, ma il senso di colpa evidentemente è divenuto insopportabile. E il calciatore, dopo sette anni, ha deciso di confessare: non è mai stato rapito, ha simulato tutto, perché la sera precedente all’appuntamento con la squadra era stata trascorsa a una festa piuttosto che a riposare.

PERCHÈ? – Perchè la finta aggressione? Semplice, la pesantissima multa prevista per l’arrivo in ritardo agli allenamenti, una decurtazione del 40% sullo stipendio mensile, come riporta Globoesporte. Alla fine, comunque, la sceneggiata non gli è servita a nulla, perchè il club, una volta parlato con la polizia, lo ha multato e ha cominciato a cederlo in prestito fino alla fine del suo contratto, arrivata nel 2013. E, come segnala UOL Esporte, ha anche dovuto patteggiare una possibile condanna per dichiarazioni false.

Outbrain
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.