Milan, le streghe di Benevento

Milan, le streghe di Benevento

Il Milan si è smarrito: Benevento bestia rosso…nera. Quattro punti su diciassette conquistati contro i rossoneri. E adesso è in forse anche l’Europa League.

di Redazione Il Posticipo
Benevento

Milan, le streghe di Benevento. Quattro punti su sei persi contro una squadra condannata quasi aritmeticamente ala retrocessione. Il Benevento ha 17 punti in classifica. Il 25%, in sostanza, è stato conquistato contro i rossoneri. Un’impresa che amplifica i demeriti dei padroni di casa. Non è bastata la superiorità numerica, né il secondo giallo risparmiato a Calabria.

NESSUNA SCUSA – Non ci si può appellare neanche al VAR. Anche se il gol di Iemmello è border line, non può né deve essere una giustificazione. Un Milan in superiorità numerica non può neanche pensare di restare a bocca asciutta, non contro il Benevento. Gattuso vede gli stessi fantasmi dell’andata. Una squadra incapace di incidere e reagire, senza intensità. Restano anche lacune tecniche importanti: un esterno difensivo, ma soprattutto una punta che la butti dentro e che trascini il resto della squadra. E una migliore distribuzione dei gol.

SOLO STANCHEZZA? – Nel frattempo, i conti non tornano. Di certo, qualcosa si è rotto. Il Milan è involuto. La sensazione è che abbia smesso di giocare e tirato i remi in barca nel momento in cui la squadra ha preso consapevolezza di aver perso il tram per il quarto posto. In questo senso, è stata quasi una crisi di rigetto. Senza la possibilità di lottare per la Champions la squadra si è svuotata. Al netto del lavoro di Gattuso, il bilancio non è positivo. L’ultima scialuppa resta la Coppa Italia. A patto di ritrovare anima e voglia.

IEMMELLO – La notte è tutta del Benevento, di Iemmello e di De Zerbi. La sua squadra esce palla al piede senza paura di sbagliare, giocando con personalità quando è in vantaggio e poi in inferiorità numerica non si disunisce né si chiude a riccio. Ha scelto la Scala del calcio per il primo acuto esterno. Capace di centrare un’impresa storica, firmata da Iemmello, che, dopo la doppietta contro l’Inter ai tempi del Sassuolo bissa con il Milan. San Siro sembra casa sua. Poi, però, latita contro le piccole. Come il resto dei compagni. Paradossalmente il Benevento ha giocato le migliori partite contro le big. Poi ha perso contro tutte le altre. Resta una notte da ricordare. Con ogni probabilità la retrocessione è rimandata solo di 90’ ma si è scelto il modo migliore per salutarla.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy