Barça-Liverpool nell’era del web: Messi vince la sfida a colpi di… meme

Barça-Liverpool nell’era del web: Messi vince la sfida a colpi di… meme

La partita tra Barcellona e Livepool ha già detto molto ma è solo al primo atto ma nell’epoca del web 2.0, gran parte della sfida si gioca a colpi di… meme. Messi stravince tra Brunelleschi, Superman e Game of Thrones.

di Redazione Il Posticipo

La partita del Camp Nou di mercoledì tra Barcellona e Liverpool ha parlato chiaro: i blaugrana sono scesi in campo piuttosto determinati a non lasciare all’avversario nessuna speranza di poter dire la propria. Gli ingredienti per una partita straordinaria, fino alla fine del primo tempo, c’erano tutti: oltre ai valori in campo da entrambi i lati, il gol dell’ex di turno, Luis Suarez, davano l’impressione che nel secondo tempo si sarebbe assistito a una partita molto equilibrata, a un’autentica sfida di nervi ma il risultato finale, purtroppo per il Liverpool racconta ben altro. Dopo il 3-0 dell’andata sigillato dalla doppietta di Messi, la sfida di ritorno comincia a colpi di… meme.

Nell’epoca del web, ormai, è normale che sia così: i tifosi del Barcellona si sono catapultati sui Social Network per sfottere giocatori e tifosi avversari subito dopo il fischio finale. Nessuno o quasi nessuno è stato risparmiato dall’ironia ma più di qualsiasi altra cosa è stata sottolineata, giustamente la prestazione di Messi che è diventato Superman, il protagonista non di “300” ma di 600, per il suo seicentesimo gol in maglia blaugrana, la solita ‘Capra’, Brunelleschi, Thor e…. Sovrano dei Sette Regni (di Game of Thrones).

L’argentino è stato davvero immarcabile per tutta la partita ma più di ogni altra cosa, il web lo sta lodando per il suo calcio di punizione che lo ha portato a quota 600. Il gol da calcio piazzato che ha lasciato impotente l’incolpevole Alisson è stato ribattezzato da un utente di Twitter “La cupola del Brunelleschi” e non a torto: un tiro perfetto, imprendibile. Come si fa a non dire che si tratta del Greatest Of All Time, Il GOAT? Non sono pochi i fotomontaggi che vedono la faccia di Messi sostituita con quella di una capra oppure lo stesso argentino che cavalca l’animale con lo stemma del Barcellona sul dorso. Non manca la heatmap che dovrebbe rappresentare il raggio d’azione di Messi in campo.

E poi c’è Valverde, che in una finta conversazione con Alena spiega come funziona a Barcellona: “Sai quello che devi fare?” “No”. “Neanche io, manda un saluto a Messi da parte mia”.

valverde

In confronto agli elogi, gli sfottò ai poveri giocatori del Liverpool sono pochissimi ed è normale che sia così: i Reds non avrebbero neanche giocato male ma con un Messi in questo stato e con un Ter Stegen con la colla a presa rapida sulle mani è stato impossibile segnare il gol in trasferta che avrebbe potuto mettere tutto in discussione. Certo, qualche critica arriva sempre… soprattutto dai fan sfegatati di Cristiano Ronaldo: “Quello che ha fatto ieri Messi, Ronaldo lo fa da cinque anni: portate rispetto al GOAT in persona“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy