Bambini che sognano di entrare con i calciatori in campo? Roba da ricchi…

Bambini che sognano di entrare con i calciatori in campo? Roba da ricchi…

La Premier è il campionato più bello del mondo, ma anche il più caro. Oltremanica, anche i sogni, se si possono realizzare, costano. E se sono quelli dei bambini, il prezzo sale ancora di più…

di Redazione Il Posticipo

Il prepartita è sempre un momento magico per i bambini che amano il calcio. Non a caso, da diversi anni, gli istanti che precedono il match sono dedicati anche a loro, che spesso entrano mano nella mano con il campione o vicino all’idolo che hanno sempre sognato. Peccato che in Inghilterra tutto abbia un prezzo.

PRIVILEGIO – Il privilegio di essere un “accompagnatore” ufficiale dei calciatori è piuttosto costoso. Anzi, roba da ricchi. Il bambino che desiderasse accompagnare i protagonisti in campo prima di una sfida di Premier deve rompere il salvadanaio. E potrebbe non bastargli. Secondo quanto riporta la BBC, il prezzo da pagare è altissimo: si parla di quasi 800 euro. O qualcosa (non molto) in meno. Dipende dalle simpatie calcistiche.

TARIFFE– I bambini in campo sono dei privilegiati, in tutti i sensi. Basti pensare che l’Everton richiede, per far vivere questa esperienza, qualcosa come 797 euro. Ne sono sufficienti 777,50 e invece per chi tifa West Ham. Chi ama il Leicester invece se la cava con 666 euro. Il prezzo, però, include l’abbigliamento completo della squadra, le foto con i calciatori e tutti gli autografi. La quota inoltre, è comprensiva della tenuta da gioco, nonché dei biglietti d’accesso allo stadio. Qualcuno, del resto, li dovrà pur accompagnare. La pratica è molto diffusa e non sono certo i risultati a renderla meno costosa: basti pensare che lo Swansea, al netto della retrocessione, non ha neanche pensato di ritoccare verso il basso i 583 euro necessari per l’accesso VIP.

GRATIS – Ci sono però anche dei club che permettono ai bambini di realizzare gratis i loro sogni. Secondo la BBC l’elenco è anche piuttosto corposo. Arsenal, Chelsea, Fulham, Huddersfield, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Newcastle e Southampton non fanno pagare i bambini per accompagnare i loro giocatori. Per il resto, come dice un famoso spot, c’è una nota carta di credito…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy