Australia, primo coming out di un calciatore. Andy Brennan racconta: “Sono gay e dirlo a tutti è la scelta migliore”

Australia, primo coming out di un calciatore. Andy Brennan racconta: “Sono gay e dirlo a tutti è la scelta migliore”

Quello dell’omosessualità nel calcio è un argomento ancora molto delicato. Ma Andy Brennan, attaccante australiano dei Green Gully, ha fatto il grande passo, con un coming out pubblico sul suo profilo Instagram. E ora spera che la sua storia possa aiutare altri colleghi nella sua stessa situazione.

di Redazione Il Posticipo

Quello dell’omosessualità nel calcio è un argomento ancora molto delicato. Lo ha spiegato qualche tempo fa Giroud, ricordando il momento in cui l’austriaco Hitzl­sperger ha fatto coming out nel 2014. “Fino a quel momento ero sempre stato convinto che fosse impossibile dichiarare la propria omosessualità nel mondo del calcio. Del resto nei rapporti all’interno di uno spogliatoio molto è questione di testosterone, di cameratismo, ci si fa la doccia insieme… È ovviamente una situazione delicata. E capisco il dolore e la difficoltà nel riuscire a fare coming out, è una prova complicata dopo un lavoro su se stessi che magari è durato anni”.

COMING OUT – Un discorso che si adatta perfettamente alla storia di Andy Brennan, attaccante australiano dei Green Gully che ha fatto il grande passo sul suo profilo Instagram. “Mi ci sono voluti anni per sentirmi a mio agio a dire questa cosa: sono gay. Avevo paura che avrebbe avuto un effetto negativo sulle mie amicizie, sui miei compagni di squadra e sulla mia famiglia. Ma il supporto delle persone che ho avuto accanto è stato enorme e mi ha aiutato a fare l’ultimo passo: essere completamente sincero. E dirlo davanti a tutti è il modo migliore per sentirmi a mio agio e per essere me stesso.. Quindi…avanti così”. Un post che ha già ricevuto oltre seimila “mi piace” e il supporto di tanti tifosi e club sparsi per il mondo tra cui spunta il St.Pauli, club tedesco da sempre impegnato in battaglie sociali.

ISPIRAZIONE – Ma non è tutto. Brennan ha anche scritto un articolo per il sindacato australiano dei calciatori, che è stato anche pubblicato dal Guardian, raccontando di come la decisione di accettare la propria sessualità sia stata complicata, soprattutto quando giocava nella Serie A australiana con i Newcastle Jets. “All’epoca non volevo accettarlo, ero concentrato sullo sport e nel fare del mio meglio. E forse ho tenuto una parte di me troppo da parte”. Ora però è arrivato il momento di raccontarlo a tutti e, perchè no, anche di ispirare qualcuno a fare lo stesso. “Se la mia storia servirà a far capire come possono andare le cose e a far raccontare a qualcuno, anche a una sola persona, come ci si sente, questo può fare tutta la differenza del mondo. Ed è meglio che tenersi tutto dentro come io ho fatto per troppo tempo”. E di certo questa storia, che sta facendo il giro del mondo, potrà essere di insegnamento a qualcuno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy