Annullata Israele-Argentina, troppe minacce a Messi e compagni

Annullata Israele-Argentina, troppe minacce a Messi e compagni

La tanto discussa amichevole tra Israele e Argentina, in una Gerusalemme ancora incandescente dopo gli scontri delle scorse settimane non si disputerà. Troppe minacce ai calciatori dell’Albiceleste.

di Redazione Il Posticipo

E alla fine, non si gioca. L’ordine pubblico e soprattutto la volontà di garantire la sicurezza dei calciatori hanno avuto la meglio sulla necessità di prepararsi al Mondiale in arrivo. La tanto discussa amichevole tra Israele e Argentina, in una Gerusalemme ancora incandescente dopo gli scontri delle scorse settimane non si disputerà. L’Albiceleste resta a Barcellona, dove cercherà uno sparring partner per non perdersi i minuti sulle gambe che avrebbe regalato il match contro gli israeliani. Ma meglio così, visto che la situazione stava degenerando e che le minacce nei confronti dei giocatori dell’Argentina stavano decisamente iniziando a diventare inquietanti. Al punto che l’AFA le ha prese sul serio e ha annunciato il forfait.

SANGUE – Dunque, non ci sarà bisogno di bruciare maglie di Messi, come aveva suggerito il presidente della Federazione palestinese per cercare di convincere il capitano dell’Albiceleste a non scendere in campo contro Israele. Ma Messi, come era prevedibile, ci è comunque andato di mezzo. Come riporta Clarin, la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha convinto ad annullare la partita è stata infatti una protesta…a domicilio. Al centro sportivo del Barcellona, dove l’Argentina si sta preparando, sono infatti arrivati alcuni tifosi con bandiere e maglie macchiate di sangue. E, neanche a dirlo, il nome sulle divise era quello della Pulce.

PROBLEMI – Considerati i presupposti, meglio evitare. Per la gioia dei palestinesi, che potranno così continuare a idolatrare Messi senza doverlo considerare un complice dell’occupazione israeliana. Un po’ meno per la felicità di chi per la partita incriminata aveva già comprato il biglietto. E, volendo riportare la questione su binari prettamente calcistici, questa storia causerà più di qualche mal di testa a Sanmpaoli e alla Federazione Argentina. Quest’ultima dovrà, in futuro, ricucire lo strappo con Israele visto lo “sgarbo” dell’annullamento. E, in coordinamento con il CT, dovra trovare in breve tempo un’avversaria per l’Albiceleste, che non vuole presentarsi in Russia con una partita in meno sulle gambe. In questo periodo di amichevoli annunciate e poi non disputate (vedi i problemi dell’Iran), quasi più complicato che passare il girone!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy