Ancelotti…cuore di papà?

Ancelotti…cuore di papà?

Ancelotti al Napoli non è più una follia: un ricongiungimento familiare con la figlia Katia (il genero è di Mondragone) potrebbe aiutare la trattativa…

di Redazione Il Posticipo
napoli sarri

Ancelotti cuore di papà. Lo sbarco al Napoli dell’ex tecnico del Bayern Monaco non appare più cosi impossibile. La svolta potrebbe essere la figlia Katia, anello di congiunzione fra Napoli e…Mondragone città natale del genero del tecnico, nonché strettissimo collaboratore (nutrizionista).

ENTUSIASMO – Al netto del ricongiungimento, Ancelotti sembra entusiasta del progetto Napoli. Colpito dalla passione e dalla contagiosa euforia della piazza campana, potrebbe davvero accettare una sfida professionale che andrebbe anche al di là dell’ingaggio. Non potrebbe essere altrimenti: Ancelotti guadagna in un mese ciò che Sarri percepisce in un anno.

CONDIZIONI – In questo senso occorrerebbe immediatamente chiarirsi. Sembra, però, che la trattativa non sia campata in aria, anzi. Alcune fonti narrano di incontri più o meno clandestini che risalgono a diversi mesi fa. Specificatamente nell’agosto scorso, proprio in occasione dell’amichevole Bayern-Napoli. Ancelotti è contento della rosa azzurra, e soprattutto, non avrebbe le stesse pretese economiche. Il suo conto in banca lo soddisferebbe. Ancelotti accetterebbe un contratto molto più “economico” perché spinto dalla voglia di tornare in Italia. In questo senso il tam tam mediatico narra anche di accordi sulla durata del contratto: due anni con l’opzione per il terzo. Fantasia?

SARRI –  Napoli è una città particolarmente sensibile e a voci e suggestioni. In ogni caso, prima  che si parli di amore…per ritrovarsi in calesse il passo è breve. Ancelotti resta un’idea, un progetto. In città si dice sia una trattativa portata avanti direttamente dal presidente De Laurentiis, ma molto, se non tutto, dipenderà dall’incontro chiarificatore con Sarri. Che cosa ne sarà del tecnico di Figline? In questo senso si è estremamente vicini al redde rationem. A fine mese l’allenatore potrà decidere se utilizzare o meno la clausola rescissoria e se c’è sopratutto qualcuno disposto a pagarla. In caso contrario, Sarri non si muove da Napoli. E con lui tutti i calciatori che restano ancorati al progetto azzurro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy