Americani, asiatici e il Paperone Ratcliffe: il futuro del Chelsea è un rebus! Chi la spunterà?

Americani, asiatici e il Paperone Ratcliffe: il futuro del Chelsea è un rebus! Chi la spunterà?

Tre gruppi fanno a gara per comprare i Blues! Colloqui esplorativi tra società e potenziali acquirenti ben avviati per un’operazione da quasi 3 miliardi di euro. Questa volta il proprietario Roman Abramovich cederà davvero il testimone?

di Redazione Il Posticipo

Il Chelsea cambia pelle? Dopo quasi sedici anni il proprietario Roman Abramovich sarebbe pronto a fare un passo indietro e lasciare il timone del club. Il futuro dei Blues è ancora tutto da scrivere sia in Premier League che fuori dal rettangolo di gioco. Non uno, ma ben tre i possibili acquirenti della società per un’operazione che complessivamente ha una valutazione intorno ai 3 miliardi di euro. Davvero tanti soldi… Chi la spunterà?

COLLOQUI –  Stando a quanto riportato dal Daily Mail, i funzionari del Chelsea avrebbero sostenuto colloqui esplorativi coi tre soggetti interessati a rilevare il club: ci sono gruppi finanziari statunitensi e asiatici… e anche Jim Ratcliffe l’uomo più ricco della Gran Bretagna! Secondo il presidente Bruce Buck, Abramovich non ha smesso di impegnarsi nonostante non si sia più visto allo Stamford Bridge. Dietro la sua assenza ci sarebbe una motivazione pratica: al magnate russo infatti è stato negato il visto lo scorso maggio e questo ha complicato i suoi spostamenti in attesa di ottenere la cittadinanza israeliana. Da quando ha acquistato il club, Abramovich non ha mai smesso di pomparne le casse: lo scarso anno però il debito totale del Chelsea è aumentato di oltre 85 milioni di euro e oggi ammonta a quasi 1,5 miliardi, denaro che il proprietario potrebbe recuperare qualora dovesse cedere il club.

INTERESSE – Stando a quanto dichiarato da Oakwell Capital, la società leader nel settore delle acquisizioni delle società di calcio, gruppi finanziari molto rispettati negli Stati Uniti e in Asia sarebbero di nuovo interessati a investire nei club della Premier League visti i profitti recentemente ottenuti da Tottenham, Liverpool e Burnley. Il direttore Doug Harmer ha spiegato come stanno le cose: Mentre gli accordi televisivi nazionali si sono stabilizzati, quelli internazionali sono aumentati e si prevede che continueranno a salire sul lungo periodo. Così le comunità di investimento asiatiche e statunitensi intravvedono un’ulteriore crescita dei club della Premier”. Situazione di stallo intanto sul fronte Ratcliffe: la sua valutazione del club è di gran lunga inferiore ai 3 miliardi di euro chiesti da Abramovich. Di fronte alle pretese del magnate russo, pare che l’uomo più ricco di Gran Bretagna abbia risposto rivolgendo le sue attenzioni all’acquisto del Nizza in Ligue 1. Ma comprare il Chelsea sarebbe tutta un’altra cosa?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy