Juventus, se non arriva il settimo paga Allegri?

Juventus, se non arriva il settimo paga Allegri?

Allegri finisce nuovamente sul banco degli imputati: la Juventus rischia di perdere lo scudetto. E il tecnico…la panchina bianconera?

di Redazione Il Posticipo
Allegri

La Juve si è fermata a Madrid? Non proprio. La Juventus sembra essersi fermata, punto. Anzi, due punti, ma in tre partite: 0-0 e 1-1 a Ferrara e Crotone, contro due potenziali retrocesse. La sconfitta interna con il Napoli senza uscire mai dalla propria metà campo. Insomma, se tre indizi fanno una prova, sembra che la benzina sia finita.

MADRID – La sfida con il Real Madrid e le scorie del Bernabeu pesano enormemente. Inutile girarci intorno. Il vero, grande, obiettivo stagionale è sfumato. E lo sviluppo del resto della competizione (fuori City e Barcellona) alimenta la frustrazione per quanto accaduto nella sfida di ritorno in Spagna. Quel finale ha lasciato l’amaro in bocca di per sè. Ed è divenuto fiele nel momento in cui la Champions ha preso la piega attuale. L’idea che eliminando il Real Madrid la Champions non sarebbe sfuggita è alimentata da chi è rimasto in corsa. E fa malissimo. Quanto basta per incidere non solo sulle gambe, ma sulla testa dei calciatori. La squadra appare svuotata, priva di stimoli. Nelle ultime quattro giornate ha vinto per inerzia a Benevento, dopo aver sofferto ed essere stata raggiunta. Poi due punti.

ALLEGRI – Sul banco degli imputati, Massimiliano Allegri. Contro il Napoli gli si imputa un atteggiamento da provinciale, l’aver giocato per lo 0-0. Quanto basta per risvegliare le sacche silenti di chi non lo ama e gli contesta di aver vinto in Italia solo perché è sempre stato senza concorrenza. La tesi si regge sui paragoni con il passato. Allegri ha perso l’unico testa a testa Scudetto della carriera. Quello con la Juventus di Conte. Ciò che potrebbe accadere anche questa volta. Osservazioni forse ingenerose per un allenatore capace comunque di vincere sempre il campionato da quando siede sulla panchina bianconera, ma la sensazione è che anche la società possa valutare la situazione.

ANCELOTTI – Resta un dubbio. Che cosa succede se la Juventus perde lo scudetto? La situazione, per certi versi, ricorda quella di Carlo Ancelotti, che lasciò, allontanato, la panchina bianconera dopo aver bucato due scudetti. Allegri potrebbe seguirne le orme nonostante abbia tre campionati all’attivo e ancora il destino nelle proprie mani. La sconfitta obnubila le menti dei tifosi? Beh, se la Juventus le vince tutte, resta Campione d’Italia. È pero altrettanto innegabile che il calendario non sorrida e il ciclo di Allegri sembri esaurito. Il settimo titolo consecutivo della Juventus dipende ancora da lui. Il suo futuro, invece, dalle valutazioni della società.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy