La dura vita del calciatore: divieti assurdi e impedimenti, dalle canzoni…al kamasutra

La dura vita del calciatore: divieti assurdi e impedimenti, dalle canzoni…al kamasutra

Anche i calciatori, devono attenersi a determinate regole se vogliono rendere al meglio nell’arco dei 90 minuti. E se vogliono andare d’amore e d’accordo con i propri allenatori e dirigenti…

di Redazione Il Posticipo

Cattivissimo

Paolo Di Canio Manager Sunderland 2012/13

Anche i calciatori, devono attenersi a determinate regole se vogliono rendere al meglio nell’arco dei 90 minuti. E se vogliono andare d’amore e d’accordo con i propri allenatori. In questi senso il più cattivo di tutti è stato Di Canio. Al suo Sunderland vietò praticamente ogni cosa: no all’uso quotidiano di maionese, ketchup, caffè e bevande gassate. E fin qui ci possiamo anche stare, visto che sono cose che tendenzialmente fanno male al fegato. Ma l’ex Lazio andò oltre: niente spazio per telefoni cellulari, chiacchiere di gossip e canzoni canticchiate. La sua avventura è durata solo cinque mesi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy