Quando il calcio diventa un incubo: da “tagliatemi le gambe” a “non vedevo l’ora di smettere”

Quando il calcio diventa un incubo: da “tagliatemi le gambe” a “non vedevo l’ora di smettere”

C’è chi ha chiesto al dottore di amputargli le gambe o chi ha rischiato di perdere la possibilità di fare due passi col proprio figlio in giardino. Dal sogno all’incubo: lo sport più bello del mondo è stato stupendo per molti, ma per altri si è rivelato una sofferenza insopportabile…

di Redazione Il Posticipo

Calvario

(Photo by Aitor Alcalde Colomer/Getty Images)
(Photo by Aitor Alcalde Colomer/Getty Images)

L’ultimo a maledire il calcio è stato… Jackson Martinez! L’attaccante colombiano sta attraversando un calvario: i problemi alla caviglia gli impediscono di condurre una vita normale quando non indossa i pantaloncini. “I dolori non mi lasciano dormire. Si fanno sentire ogni allenamento, ogni volta che vado a letto. Quasi tutte le notti, intorno alle 3 o alle 4, mi sveglio per il dolore”. Ma la lista degli sfortunati è bella lunga…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy